Dopo il crollo della giornata di ieri, gli analisti suggeriscono che un ulteriore calo del prezzo di Bitcoin (BTC) o un periodo di consolidamento siano possibilità concrete. Sono due i fattori che potrebbero innescare un trend negativo: l'aumento dell'attività delle whale e la resistenza a breve termine.

Le whale di Bitcoin rimangono vigili

Come riferito da Cointelegraph, dopo aver superato i 19.400$ sui principali exchange, BTC è sceso sotto i 16.400$ prima di recuperare leggermente. Ma gli analisti prevedono un altro possibile calo, soprattutto se BTC non si riprenderà con forza nel breve periodo.

Due trend fondamentali hanno causato la recente correzione di Bitcoin. Innanzitutto, le whale hanno iniziato a vendere BTC a circa 19.000 dollari, con un conseguente picco di volatilità al ribasso. In secondo luogo, questo calo di prezzo relativamente contenuto ha innescato un'ondata di liquidazioni in un mercato dei future caratterizzato dall’eccesso di leva finanziaria.

Afflusso medio di Bitcoin in tutti gli exchange. Fonte: CryptoQuant

Ki Young Ju, CEO di CryptoQuant, ha previsto ulteriori cali a breve. L'indicatore All Exchanges Inflow Mean, per esempio, è ancora ad un livello altissimo, suggerendo che c'è ancora molta pressione di vendita sul mercato. Ju ha dichiarato:

"Potrebbero arrivare altre correzioni di $BTC. L'indicatore All Exchanges Inflow Mean (144-block MA) rimane ancora alto. Secondo me, questa settimana dovremo affrontare alcune correzioni/andamenti laterali e si arriverà a 20.000 dollari entro dicembre di quest'anno."

La tempistica di vendita delle whale non è casuale: la contrazione è avvenuta dopo l'incapacità di BTC di raggiungere un'area di resistenza cruciale. Sin dall’inizio di novembre, un trader noto come "CryptoKea" ha analizzato la soglia di resistenza all’interno delle Fasce di prezzo del modello Meyer Multiple. 

Se la storia dovesse ripetersi, una correzione ancora maggiore è probabile. Una tale tendenza sarebbe in linea con le precedenti bull run, quando BTC scese del 30%-40% prima di continuare la sua crescita. Il trader ha dichiarato:

"Il top del canale rialzista è riuscito ottimamente ad agire come resistenza a breve termine, proprio come ha fatto in questa fase durante le precedenti bull run. Storicamente cosa è successo poi? La storia non si ripete mai, ma spesso si assomiglia. Questi sono i valori storici della media mobile a 200 giorni, quando il prezzo ha trovato un’area di supporto dopo non essere riuscito a sfondare la parte superiore del canale rialzista. L'attuale media è a 11.200 dollari, in aumento di circa 40 dollari al giorno."

Nel breve termine, la soglia di supporto chiave per Bitcoin si trova a 16.000$. Sotto di essa, le prossime aree da tenere sotto osservazione sono 13.500 e 14.000 dollari. 

Il Golden Ratio Multiplier identifica i livelli di supporto chiave 

Philip Swift, il creatore di Lookintobitcoin.com, ha detto che l'indicatore Golden Ratio Multiplier mostra un netto rifiuto della soglia resistenza espressa dalla media mobile a 350 giorni.

Golden Ratio Multiplier. Fonte: Philip Swift

Il Golden Ratio Multiplier identifica 16.000 e 13.000 dollari come livelli di supporto cruciali, in modo simile a quanto fa il Mayer Multiple. Swift ha sottolineato:

"Ieri il prezzo è stato fermamente respinto due volte dalla media mobile a 350 giorni, proprio quando CT sembrava certo che la soglia sarebbe stata superata facilmente. Questo indicatore sarà estremamente rilevante in questo ciclo."

Sulla base di questi due indicatori, se Bitcoin dovesse riprendersi e consolidarsi sopra i 16.000 dollari, allora un rally verso le prossime aree di resistenza è possibile. In caso contrario, BTC rischia di testare il range di supporto di 13.000-14.000$.