Jul 12, 2019

Lo "shock" derivante dall'halving di BTC e LTC potrebbe essere mitigato dal merged mining

4702 Total views
13 Total shares

Secondo quanto riportato dalla divisione di ricerca dell'exchange di criptovalute Binance, effetto del dimezzamento dei block reward di Bitcoin (BTC) e Litecoin (LTC) potrebbe venir mitigato dal merged mining.

In seguito alla previsione di Charlie Lee, secondo cui alcuni miner potrebbero sospendere le proprie attività dopo il dimezzamento di Litecoin, che dovrebbe arrivare il 5 agosto 2019, Binance Research ha analizzato il cosiddetto merged mining e il suo potenziale di incentivare i miner di criptovalute anche dopo l'halvening.

Il merged mining è una pratica che consiste nell'usare il lavoro svolto per una blockchain, chiamata blockchain principale, su altre blockchain secondarie più piccole, implementando la l'Auxiliary Proof of Work (AuxPoW). Ad oggi, gli esempi principali di merged mining sono tre: Namecoin (NMC), che ha Bitcoin come blockchain madre, Dogecoin (DOGE), che invece si appoggia su Litecoin e Myriadcoin (XMY), che utilizza sia LTC che BTC.

Nel nuovo rapporto, Binance Research ha concluso che il merged mining potrebbe "potenzialmente fornire l'opportunità" di aumentare le ricompense alla luce degli imminenti dimezzamenti di Litecoin e Bitcoin. Inoltre, altre chain minori potrebbero ricorrere al protocollo AuxPoW per garantire un livello di sicurezza più elevato ed eliminare la necessità di avere un proprio mining set.

Tuttavia, Binance Research ha evidenziato anche i contro di questa pratica: i miner potrebbero non essere incentivati ​​a sostenere la blockchain figlia a causa degli alti costi delle operazioni e del potenziale calo del valore di tale moneta, mentre i progetti minori potrebbero diventare dipendenti dalla blockchain madre ed essere esposti a nuovi potenziali attacchi.

Binance Research descrive Dogecoin come l'esempio di merged mining che ha avuto il maggior successo. Dopo l'adozione della tecnologia nel 2014, l'hashrate della rete è aumentato del 1.500%, pur mostrando una forte correlazione a quello della rete Litecoin. Secondo il rapporto, quasi il 90% dell'hashrate di Dogecoin arriva infatti dalle mining pool di Litecoin.

Il 5 luglio, Binance ha listato Dogecoin sulla sua piattaforma di trading. Nello stesso giorno, l'exchange ha pubblicato un rapporto sulla correlazione delle criptovalute per il secondo trimestre del 2019, rilevando che la correlazione di Dogecoin e Bitcoin alle altre criptovalute è scesa rispetto al trimestre precedente.

Seguici su Twitter

Scelta dell'Editore
Comunicati Stampa