Secondo la piattaforma di trading Decentrader, Bitcoin (BTC) è di nuovo “pronto per un rally” mentre la price action diventa rialzista su intervalli di tempo cruciali.

In un nuovo aggiornamento di mercato pubblicato il 29 ottobre, la compagnia ha previsto l’arrivo di nuovi rialzi per Bitcoin, che questa settimana è rimasto al di sotto del suo massimo storico precedente.

Potenziale target a 150.000$ entro fine anno

Nonostante i recenti movimenti laterali in BTC/USD, secondo gli analisti le probabilità sono ancora a favore di guadagni nel breve termine.

Anche se le zone in prossimità dei due ATH di quest’anno, 63.900$ e 67.100$, sono al centro della discussione, i veri ostacoli potrebbero in realtà trovarsi in territorio di price discovery vicini ai 100.000$. “Dal punto di vista tecnico, del ciclo di mercato e on-chain, continuiamo a credere che la prossima grande zona di difficoltà per BTC non arriverà prima degli 85.000$-90.000$,” indica l’aggiornamento.

Questo è dovuto in parte a un incrocio tra la media mobile a 128 giorni e quella a 200 giorni, che storicamente ha innescato un rialzo “sostenuto.”

Il grafico a tre giorni di Bitcoin, considerato da Decentrader uno strumento particolarmente accurato, è ora rialzista, contraddicendo l’attuale setup giornaliero ribassista e settimanale neutro.

Questo è uno dei fattori che influenzano la price action all’interno di un probabile canale che potrebbe vedere Bitcoin toccare i 150.000$ entro l’inizio del 2022.

Grafico di BTC/USD con target del canale. Fonte: Decentrader

La situazione relativa all’offerta complessiva di Bitcoin dovrebbe aiutare, dato che le riserve sugli exchange continuano a calare indicando che i trader hanno intenzione di HODLare invece di vendere.

Le prove continuano a suggerire che i partecipanti al mercato rimangono rialzisti. Un elemento a supporto di questa tesi è il continuo deflusso di Bitcoin dagli exchange, mentre gli utenti decidono di depositare i propri Bitcoin in cold storage. L’impatto netto di questo trend è la riduzione dell’offerta nel breve termine,” ha concluso l’aggiornamento.

“Fino a quando questo trend non cambia, continuerà a esercitare pressione rialzista sul prezzo man mano che la domanda di Bitcoin è costretta ad accettare prezzi più alti contro l’offerta limitata disponibile.”
Grafico delle riserve di Bitcoin su exchange. Fonte: Bybt

ARK analizza il progresso del bull market

Anche il gestore patrimoniale ARK Invest sta esaminando la situazione di Bitcoin alla fine di “Uptober.”

Correlato: Bitcoin non è ancora ribassista, afferma il trader veterano che ha previsto il crollo del 2018

Nel nuovo episodio della sua serie di analisi dedicate pubblicato questa settimana, la società notoriamente rialzista ha elencato i parametri pertinenti per valutare quanti guadagni restano ancora a BTC/USD.

Come segnalato da Cointelegraph, la maggior parte indica che la bull run è tutt’altro che finita, anche se alcuni stanno entrando in territori che storicamente hanno segnalato un massimo del ciclo.

A nostro avviso, il valore di Bitcoin è una funzione della sua utilità economica, mentre il valore di bitcoin è una funzione della sua domanda e offerta. Nel breve-medio termine, crediamo che gli investitori dovrebbero riuscire a valutare il comportamento dei compratori e venditori su Bitcoin e utilizzare parametri sul valore relativo per gestire attivamente posizioni in bitcoin,” ha spiegato un commento correlato.