Nel week-end, Bitcoin (BTC) ha raggiunto un nuovo massimo storico: la spettacolare bull run del 2021 non mostra segni di rallentamento. Ma cosa riserva il futuro agli HODLer?

Mentre la principale criptovaluta traccia una contrazione verso i 53.000$, Cointelegraph esamina i fattori da considerare nelle previsioni sulla price action di questa settimana.

Prezzo di BTC vs. DXY (arancione). Fonte: Tradingview

Gli investitori prevedono un “reset” nel mercato azionario

Lunedì, le azioni non hanno dato segno di rallentamento nel loro rialzo infinito, mentre i compratori continuano a riversarsi nel mercato.

Nonostante le avvertenze di una bolla potenzialmente già pronta a scoppiare, i mercati hanno superato i massimi storici spinti dall’entusiasmo legato a una futura ripresa economica a livello globale.

Negli Stati Uniti, la crescita è stata sostenuta dal pacchetto di stimolo del presidente Joe Biden da 1.900 miliardi di dollari. La scorsa settimana, la Segretaria al Tesoro Janet Yellen ha suggerito che il meccanismo per fornire i fondi necessari, che includeranno un terzo round di assegni di sussidio da 1.400$, verrà finalizzato dal Congresso nelle prossime settimane.

Tutti stanno considerando la prospettiva per una migliore crescita economica, per un maggiore stimolo fiscale,ha spiegato a Bloomberg l’head of global asset allocation di UBS Wealth Management, Adrian Zuercher.

“È normale che i rendimenti nominali si muovano verso l’alto, anche le azioni sono a livelli elevati, così come le commodity basate su una migliore prospettiva economica.”

Anche se sin dal crollo di marzo 2020 Bitcoin ha assistito a un boom in linea con le azioni, non tutti sono così ottimisti.

Lunedì, l’investitore e hedge fund manager Michael J. Burry ha offerto una previsione cupa per l’economia globale, affermando che i mercati azionari sono sull’orlo di una profonda correzione.

La gente dice che l’ultima volta non li ho avvertiti. L’ho fatto, ma nessuno ha ascoltato. Quindi vi avverto questa volta. E di nuovo, nessuno ascolta. Ma potrò dimostrare di avervi avvisato,ha twittato.

In un’intervista a CNBC, la fondatrice, CIO e CEO di Ark Invest, Cathie Wood, ha aggiunto che un “reset delle valutazioni” sarà probabilmente il risultato di un continuo aumento netto dei tassi.

Senza una tempistica specifica, molti stanno considerando il rischio di una replica dello scorso marzo per il prossimo mese, cosa che ha consentito a Bitcoin e Ether (ETH) di sovraperformare.

Grafico delle correlazioni macro di Bitcoin. Fonte: Digital Assets Data

Il dollaro statunitense è destinato a proseguire il suo calo

Nel frattempo, qualsiasi continuazione nel breve termine per Bitcoin potrebbe essere ostacolata dall’indice del dollaro statunitense (DXY), che negli ultimi giorni è rimbalzato dai suoi minimi.

Tradizionalmente un recupero del DXY porta pressione ribassista in BTC/USD, e l’indice ha trascorso buona parte di febbraio in calo.

Come segnalato da Cointelegraph, le previsioni a lungo termine vedono un indebolimento generale del dollaro, dovuto in gran parte all’enorme espansione dell’offerta monetaria ad opera della Federal Reserve.

C’è ancora molto più ribasso per il dollaro. La nostra prospettiva a più lungo termine prevede la debolezza del dollaro, non forza,ha spiegato a Reuters Steve Englander, research lead di Standard Chartered, all’inizio di febbraio.

Un sondaggio condiviso indicava che solo il 13% dei partecipanti anticipava un aumento dell’USD nell’arco di tre mesi, mentre la stragrande maggioranza si aspettava una perdita o una fase di stallo.

Buona parte dell’eccezionalità del dollaro riguarda la sua scarsità,” ha aggiunto Englander.

“La prospettiva ora è che non ci sarà scarsità di dollari, bensì abbondanza a perdita d’occhio.”
Grafico giornaliero dell’indice del dollaro statunitense (DXY). Fonte: TradingView

Gli afflussi mettono in guardia da un sell-off delle whale

Per Bitcoin, segni di un possibile pullback sono arrivati lunedì sotto forma di un picco degli afflussi verso gli exchange.

Come indicato dalla risorsa di monitoraggio on-chain CryptoQuant, l’exchange istituzionale Gemini ha registrato enormi afflussi aggregati di 28.004 BTC (1,63 miliardi di dollari), suggerendo che un grande investitore ha intenzione di vendere o preparare i fondi per la vendita nel caso in cui i prezzi dovessero scendere.

Attenzione al rischio di ribasso dovuto alla svendita delle whale,” ha commentato CryptoQuant su Telegram.

Afflussi di BTC verso gli exchange vs. BTC/USD. Fonte: CryptoQuant

La scorsa settimana, Cointelegraph ha segnalato che le riserve di stablecoin sugli exchange erano a massimi storici, accompagnando BTC/USD verso nuovi record (58.312$ su Bitstamp), il tutto mentre il cosiddetto premium di Coinbase, ovvero la differenza di prezzo tra Coinbase e Binance, era negativo.

Secondo il CEO di CryptoQuant, Ki Young Ju, la natura dei guadagni è stata fonte di preoccupazione nonostante la risultante euforia.

Una cosa che non mi convince in questo rialzo di $BTC è il premium di Coinbase negativo,ha twittato.

“Il potere d’acquisto non sembra provenire dagli investitori istituzionali statunitensi, ma da whale in stablecoin e investitori retail. Non è un rialzo sano senza afflussi spot di USD.”

Presto le altcoin potrebbero riprendersi

Questa settimana, una correzione di Bitcoin potrebbe spostare l’attenzione di nuovo sulle altcoin.

Il fine settimana ha prodotto risultati contrastanti per i token large-cap, con alcuni guadagni mentre la maggior parte è rimasta immobile. Lunedì, la correzione di Bitcoin ha avuto inizio mentre la principale altcoin, Ether, aveva già perso il 2% nell’arco di 24 ore dopo aver superato i 2.000$ per la prima volta.

Anche Polkadot (DOT), Cardano (ADA) e Chainlink (LINK) sono in negativo sulla giornata, mentre XRP è riuscito a resistere con un guadagno del 3%, al momento vicino a 0,55$.

I soldi stanno fluendo in #Bitcoin,ha commentato il noto trader Rekt Capital su Twitter.

“Ma considerando che le altcoin sono nelle primissime fasi del loro bull market macro, state tranquilli… le altcoin torneranno.”

In seguito alla correzione, la dominance di Bitcoin è aumentata al 61,9%.

Grafico della market cap dominance di Bitcoin negli ultimi tre mesi. Fonte: CoinMarketCap

Peter Schiff e Bitcoin: “Se compra, me ne vado”

In un tweet decisamente criptico pubblicato nel week-end, il noto gold bug Peter Schiff ha chiesto a che punto dovrebbe vendere i BTC che potrebbe comprare.

Se dovessi davvero comprare dei #Bitcoin, come farei a sapere quando vendere? Se la tua risposta è non vendere mai, che senso ha comprare?ha scritto.

“Non posso scambiarlo, i commercianti non lo accettano. Devo prima venderlo, o a me stesso o usando un intermediario come Bitpay. Ma non sto parlando di piccole somme. Quando devo vendere per incassare i profitti o tagliare le perdite?”

Schiff ha già avuto a che fare con Bitcoin in passato, lamentandosi di aver perso la password del suo wallet. Ciononostante, è conosciuto nel settore per le sue critiche al crypto asset e la promozione dell’oro come l’unica opzione per evitare l’inflazione del denaro fiat.

Di conseguenza, l’interesse di Schiff su un eventuale HODLing, reale o meno, ha fatto innervosire la comunità di trader, che ha considerato l’evento come un classico segno di un bull market fuori controllo. “Lentamente e poi all’improvviso. Se compra, me ne vado,ha risposto il trader di criptovalute Scott Melker.

Come segnalato l’anno scorso da Cointelegraph, l’arrivo di Bitcoin a 50.000$ potrebbe davvero essere l’evento che “convincerà” Schiff a investire.