Secondo Max Keiser, al momento il mondo ha così tanto debito che, per la prima volta nella storia, è impossibile aggiungerne altro.

Il 22 settembre, nella più recente puntata del suo programma Keiser Report, il conduttore ha avvertito che le banche centrali hanno spinto il debito globale a un nuovo “punto di svolta.

Keiser sul debito: “siamo al punto di saturazione”

Insieme alla co-presentatrice Stacy Herbert, Keiser ha commentato le dichiarazioni della banca centrale di Singapore, la Monetary Authority of Singapore (MAS), la quale ha avvertito la scorsa settimana che copiare i metodi di ripresa economica adottati nel secondo dopoguerra non avrebbe funzionato nel 2020.

Le banche centrali in tutto il mondo sono intervenute nei mercati, comprando equity e altri asset in una mossa estremamente controversa concepita per limitare l’impatto economico della pandemia di Covid-19 e dei relativi lockdown.

Innanzitutto, è abbastanza ovvio che non sia più possibile continuare ad aumentare il debito,” ha spiegato il presidente della MAS Tharman Shanmugaratnam.

“Ma non credo che i nuovi livelli più elevati di debito, a cui molte nazioni si stanno avvicinando, saranno sostenibili senza imporre costi significativi sulla crescita e sull’uguaglianza nelle loro società.”

Quest’anno, solo il debito nazionale degli Stati Uniti è arrivato a 26,7 bilioni di dollari, aggiungendo 4 bilioni da giugno 2019.

L’economia della Terra non può sostenere ulteriore debito; siamo al punto di saturazione,” ha sintetizzato Keiser.

Considerando le conseguenze per i paesi sempre più indebitati, ha affermato che d’ora in avanti saranno i normali consumatori a pagare il conto:

“Ora, ogni dollaro stampato da queste banche centrali andrà direttamente nell’inflazione dell’indice dei prezzi al consumo, lo vedrai immediatamente alla cassa del supermercato, e scatenerà incredibili disordini sociali.”

Negli anni ‘40, gli stati che avevano accumulato debiti a causa della guerra mondiale erano riusciti a eliminarli attraverso l’inflazione. Secondo Herbert, questa volta l’enorme numero di lavori insignificanti nella gig economy impedirà ai salari di seguire gli aumenti dei prezzi, portando al tipo di divario tra l’élite e il resto della società che Keiser ha denominatoneo-feudalesimo.

Grafico a 10 anni del bilancio della Federal Reserve. Fonte: Federal Reserve

MicroStrategy e la bassa preferenza temporale di Bitcoin

Da anni Keiser promuove Bitcoin (BTC) come una via di fuga dagli effetti a catena dell’inflazione fiat.

Grazie alla sua emissione fissa e immutabile e al suo network decentralizzato, Bitcoin rappresenta l’antitesi del denaro controllato centralmente.

Come segnalato da Cointelegraph, BTC/USD ha segnato aumenti paralleli all’espansione del bilancio delle banche centrali, ma rimane sensibile alle prestazioni del dollaro statunitense.

Bitcoin, come l’oro, è inversamente correlato all’USD, *non* al mercato azionario,ha sottolineato Keiser il 22 settembre. “Non farti ingannare dalla casualità.

Oltre alle sue abilità tecniche, Bitcoin promuove anche la cosiddetta vita a bassa preferenza temporale, in cui si risparmia denaro con la certezza che il suo valore non verrà prosciugato nel tempo attraverso l’inflazione.

Come spiega Saifedean Ammous nel suo popolare libro, “The Bitcoin Standard,” questo rende possibile un progresso della società migliore e più rapido, invece di spendere semplicemente più denaro possibile il più velocemente possibile.

Secondo Keiser e Herbert, la decisione presa da MicroStrategy di investire oltre 400 milioni di dollari in Bitcoin dimostra che la mentalità della bassa preferenza temporale sta invadendo le cerchie delle grandi aziende.