Gli sviluppatori di Ethereum pubblicano una proposta di upgrade per risolvere i problemi del network legati al mining

Venerdì 20 aprile, gli sviluppatori di Ethereum (ETH), l'altcoin numero uno per capitalizzazione di mercato, hanno pubblicato l'Ethereum Improvement Proposal (EIP) n.1011, per creare un sistema di consenso ibrido che mira a risolvere alcuni problemi associati al mining della criptovaluta.

La proposta consiste nell'implementazione di Hybrid Casper, l'aggiornamento di rete Friendly Finality Gadget (FFG), che combinerà la Proof of Work (PoW) con la Proof-of-Stake (PoS), per poi passare definitivamente a quest'ultima.

Come afferma la documentazione EIP, uno dei parametri dell'aggiornamento ridurrebbe la ricompensa del blocco da 3 ETH a 0,6 ETH:

"La ricompensa PoW di un singolo blocco è ridotta a 0,6 ETH, perché la sicurezza della catena viene riallocata dal livello di difficoltà della PoW alla finalità PoS e poiché i premi verranno rilasciati sia ai validatori che ai miner."

Secondo Ethereum News, l'aggiornamento Casper sarà "probabilmente quello più significativo" fino ad oggi.

Nella sezione "Motivazioni" della proposta, gli sviluppatori di Ethereum hanno chiarito che l'obiettivo finale dell'aggiornamento è far passare il network da un sistema PoW a un sistema PoS:

"La transizione della rete Ethereum da PoW a PoS era sulla tabella di marcia e nel Yellow Paper sin dal lancio del protocollo. Sebbene sia un ottimo modo per raggiungere un consenso decentrato, la PoW consuma un'incredibile quantità di energia, non ha finalità economiche e non ha una strategia efficace per resistere ai gruppi criminali. L'eccessivo consumo di energia, i problemi di accesso all'hardware per il mining, la centralizzazione delle mining pool e il mercato dei miner ASIC forniscono ciascuno una motivazione distinta per effettuare il passaggio il più presto possibile".

La PoW è l'algoritmo di consenso originale delle reti Blockchain, inclusa quella di Bitcoin (BTC). Grazie alla PoW, i miner competono l'uno contro l'altro per verificare le transazioni sulla rete Blockchain e vengono premiati per le criptovalute che stanno minando.

L'algoritmo Proof of Stake (PoS) è stato introdotto per la prima volta da Sunny King e Scott Nadal nel 2012. Esso mira a risolvere vari problemi legati al mining di Bitcoin, tra cui l'alto consumo di energia, grazie a un meccanismo per la verifica delle transazioni che sceglie i nodi in base all'ammontare di monete possedute da una persona sul suo wallet digitale.

Ad aprile, come riportato da Cointelegraph, gli sviluppatori di Ethereum stavano considerando di effettuare un hard fork per invalidare gli ASIC per il mining di ETH, ma sembrerebbe che abbiano abbandonato l'idea in favore della soluzione Casper FFG. Durante l'Ethereum Core Devs Meeting tenuto ad aprile, il co-fondatore di Ethereum Vitalik Buterin ha dichiarato: "Questo non è Bitcoin, non è controllato dai miner, se dovessero diventare un problema velocizzeremo lo sviluppo di Casper".