Tom Lee di Fundstrat ammette l'errore della sua ultima previsione

Il cofondatore di Fundstrat Global Advisors Thomas Lee ha ammesso che la sua previsione di un'impennata di Bitcoin dopo la conferenza Consensus era errata. Secondo quanto riportato il 18 maggio da Bloomberg, Lee ha sostenuto che il mercato delle criptovalute sta ancora "affrontando una resistenza interna significativa e vari ostacoli all'interno delle istituzioni finanziarie tradizionali".

Dopo aver predetto accuratamente la crescita dei mercati delle criptovalute una volta superato il tax day statunitense di aprile, il 7 maggio Tom Lee ha effettuato un nuovo pronostico riguardante Bitcoin, sostenendo che la criptovaluta sarebbe salita durante e dopo la conferenza Consensus tenuta a New York dal 14 al 16 maggio: "Ci aspettiamo che BTC e le altre criptovalute si comportino in maniera simile agli scorsi anni per poi risalire durante la conferenza Consensus".

Venerdì Tom Lee ha inviato una nota ai suoi clienti, nel quale spiega che la sua previsione era basata su fattori come la riunione della comunità cripto in un "luogo centralizzato", che si pensava avessero un effetto positivo sui prezzi delle criptovalute.

In un tweet del 18 maggio, Lee ha confermato che durante Consensus i mercati hanno invece perso il 10%, anche se la conferenza ha contato oltre 8700 partecipanti, più del triplo dello scorso anno.

Tom Lee crede che il settore delle criptovalute abbia bisogno di quella che lui chiama "tripletta del progresso", costituita da strumenti istituzionali, supporto dalle banche e trasparenza normativa.

"Le criptovalute stanno ancora affrontando una significativa resistenza interna e vari ostacoli all'interno delle istituzioni finanziarie tradizionali... Ma è incoraggiante che una grossa fetta dei nuovi partecipanti siano istituzioni finanziarie".

Secondo Bloomberg, Fundstrat si aspetta ancora che il prezzo di Bitcoin raggiunga i 25.000$ entro la fine di quest'anno. Qualche settimana fa, lo stesso Tom Lee aveva previsto che Bitcoin arriverà a 36.000$ entro il 2019, "basandosi sulla media storica del rapporto P/BE di 1,8".