Google Trends: anche dopo i cali, il bitcoin è ancora più popolare di Beyonce

Nel corso del 2018, le ricerche su Google della parola "Bitcoin" sono diminuite del 75%, eppure, secondo quanto riferito il 12 giugno dalla CNBC, la criptovaluta più popolare al mondo supera ancora la famosa popstar Beyonce su Google Trends.

Durante il programma "Futures Now" della CNBC, l'analista Brian Kelly ha dichiarato che quest'anno la superstar americana ha superato (di poco) bitcoin solo ad aprile, durante la sua esibizione al Coachella Music and Arts Festival.

Popularity of search terms “Beyonce” and “Bitcoin.”

Popolarità dei termini di ricerca "Bitcoin" e "Beyonce". Fonte: Google Trends

Kelly ha anche espresso la sua opinione sul mercato ribassista di giugno, evidenziando alcuni livelli chiave da osservare:

"Quello che sto cercando davvero è qualche sorta di movimento, un rimbalzo dai 6.500$. Non abbiamo abbastanza volume e non ci sono molti catalizzatori che potrebbero entrare in gioco nel breve periodo ... se dovessi cercare un altro livello come trader a breve termine, mi concentrerei sui 6.800$, ossia la soglia che nel week-end ha agito da resistenza."

Secondo i calcoli di Kelly, i 6.500$ sono un livello di supporto fondamentale per la redditività del mining. Ciò presuppone che i miner di bitcoin debbano aggiornare il proprio hardware quasi ogni 18 mesi, con un costo che va dai 5.900$ ai 6.000$.

"Sul brevissimo periodo", ha aggiunto Kelly, "la soglia dei 6.800$ mi sembra un punto vitaleIn questo mercato, come trader a breve termine, preferirei acquistare approfittando del momentum di un superamento dei 6.800$".

Anche prima della recente caduta dei mercati, durante un'intervista con la CNBC, l'analista pro-BTC di Wall Street Nick Colas ha esposto le sue preoccupazioni sul calo dell'interesse generale nelle criptovalute, facendo riferimento a indicatori di interesse pubblico come un minor numero di ricerche di bitcoin su Google e una bassa crescita dei wallet di criptovalute.

A maggio, una nuova relazione sull'attuale stato dell'adozione globale delle criptovalute ha indicato che la maggior parte degli early adopter è "già a bordo". La ricerca sostiene che in media solo il 4% delle persone che non ha ancora investito nelle criptovalute ha intenzione di farlo nei prossimi sei mesi.

Al momento della stesura di questo articolo, bitcoin è scambiato a circa 6.557$, portando così le sue perdite mensili al 25%. In calo anche il suo volume di trading giornaliero: dai 7,4 mld di dollari del mese scorso è sceso agli attuali 4,5 mld.