L’Italia entrerà a far parte della European Blockchain Partnership, conferma il deputato Mirella Liuzzi

Durante un’intervista con il portale d’informazione Key4biz, il Segretario di Presidenza della Camera Mirella Liuzzi (M5S) ha confermato che a partire da oggi anche l'Italia entrerà a far parte della European Blockchain Partnership, un partenariato lanciato ad aprile di quest'anno da ventidue paesi dell'Unione allo scopo di favorire lo sviluppo del settore delle criptovalute.

Domani il ministro Luigi Di Maio firmerà a Bruxelles la partnership europea per lo sviluppo di nuovi progetti blockchain. L’Italia ancora non figurava tra i Paesi aderenti”, ha dichiarato la donna. Ha poi spiegato:

“L’adesione alla partnership consentirà all’Italia di contare ai tavoli europei e di dettare anche una propria linea sullo sviluppo della tecnologia, pratica mai avvenuta con i Governi precedenti”.

Criptovalute e blockchain si stanno diffondendo a macchia d'olio anche nella nostra Penisola. La scorsa settimana si è tenuta a Maratea, in provincia di Potenza, la terza edizione del festival “Heroes Meet in Maratea”, dedicato a tecnologia ed innovazione nel mondo della finanza.

Durante l'evento la redazione di Cointelegraph ha ascoltato le parole di Thomas Bertani, CEO di Oraclize e presidente di Eidoo, e assistito alla conferenza “Bitcoin e altre applicazioni di una Blockchain”, tenuta dai ricercatori Nico Abbatemarco e Leonardo Maria De Rossi della SDA Bocconi.

A giugno di quest'anno è stato istituito a Napoli uno speciale gruppo di lavoro di portata internazionale, il cui compito è quello di "elaborare ed eventualmente attuare obiettivi legati alla tecnologia blockchain". Al tempo il sindaco Luigi de Magistris aveva spiegato che "affiancare una nuova economia rappresentata dalle criptovalute all'economia tradizionale può comportare un potenziale economico enorme per gli oltre 3,5 milioni di abitanti della città metropolitana di Napoli".