Giappone: i vicepresidenti dell'organo di autoregolamentazione giapponese si dimettono

Come riportato il 25 giugno da Cointelegraph Japan, i due vice-presidenti dell'organismo di autoregolamentazione giapponese si sono dimessi dopo che i loro exchange di criptovalute hanno ricevuto degli avvisi normativi.

Appena una settimana dopo la produzione delle prime linee guida sulle best practice del settore da parte della Japan Virtual Currency Exchange Association (JVCEA), Yuzo Kano e Noriyuki Hiroyuki hanno annunciato che si sarebbero dimessi dalla carica di vice presidenti dell'organizzazione.

Kano e Hiroyuki sono rispettivamente gli amministratori delegati di bitFlyer e Bitbank, due delle società che il 22 giugno hanno ricevuto ordini di business improvement dalla Financial Services Agency (FSA) giapponese.

A fronte del continuo inasprimento del settore giapponese degli exchange di criptovalute, sei piattaforme dovranno ora conformarsi a severi requisiti relativi principalmente alle normative antiriciclaggio (AML) e know your customer (KYC).

Per bitFlyer, la FSA ha stabilito una serie di nuove disposizioni, tra cui "un sistema di gestione efficace [...] per garantire un funzionamento corretto e affidabile dell'impresa, nonché delle misure contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo".

Nonostante la JVCEA si sia dimostrata infastidita dalla notizia, ha rilasciato una dichiarazione in cui promette di continuare le sue attività:

"Continueremo a fare del nostro meglio per proteggere gli interessi degli utenti e promuovere il sano sviluppo dell'industria degli exchange di valuta virtuale, anche attraverso la formulazione tempestiva di norme di autoregolamentazione".

Chi sostituirà Kano e Hiroyuki rimane un mistero, né si sa se la loro partenza influenzerà i futuri programmi dell' associazione.