Professore del MIT: la blockchain permette di avere un'economia più inclusiva e senza confini

La tecnologia blockchain può consentire la creazione di un'economia borderless: è quanto dichiarato dal professore del Massachusetts Institute of Technology (MIT) Silvio Micali un'intervista sul programma di Bloomberg Daybreak Asia.

Durante il programma, Micali ha delineato tre principali proprietà dei sistemi basati su blockchain, che devono essere presenti simultaneamente per consentire un'economia più inclusiva e senza confini: sicurezza, decentralizzazione e scalabilità. Secondo il professore di ingegneria del MIT, fino a poco tempo fa sarebbe stato possibile avere contemporaneamente solo due di queste tre proprietà.

Micali ha sottolineato che un sistema decentralizzato ha bisogno di una tecnologia molto superiore per fornire lo stesso livello di partecipazione e confidence riscontrato nei sistemi centralizzati.

Per quanto riguarda le falle di sicurezza nei sistemi blockchain, Micali ha affermato che quelli centralizzati sono molto più vulnerabili ai tentativi di hacking, facendo riferimento alla frequenza con la quale le violazioni di sicurezza e/o di privacy si verificano nelle istituzioni centralizzate di vari settori.

Il professore ha espresso il suo ottimismo sulla sicurezza delle blockchain facendo notare che il concetto di sistema trustless in sé è caratterizzato da un alto livello di sicurezza:

"Solo un vero sistema decentralizzato, dove il potere è così frazionato e diffuso che risulta impossibile attaccare tutti i nodi e dove non è necessario fidarsi di questo o quel nodo in particolare, riesce a davvero a garantire la sicurezza che meritiamo e di cui abbiamo bisogno."

Recentemente, un gruppo di importanti università statunitensi, tra cui il MIT, la Stanford e la UC Berkeley, hanno annunciato il lancio di Unit-e, un progetto cripto descritto come una "rete di pagamenti decentralizzata e scalabile a livello globale."

Qualche settimana fa, il MIT ha inoltre rilasciato un articolo nel quale si afferma che il 2019 sarà l'anno in cui la tecnologia blockchain diverrà finalmente una tecnologia "ordinaria".