CEO di Booking: le criptovalute continueranno a crescere, in particolare fuori dagli USA

Il CEO del colosso dei viaggi online Booking Holdings ritiene che le valute basate sulla tecnologia blockchain continueranno a crescere e ad acquisire maggiore popolarità.

Glenn Fogel, di recente nominato CEO dell'azienda, ha espresso il suo sostegno alle criptovalute in un'intervista con la rivista di viaggi Skift il 20 agosto. Nell'intervista, Fogel ha parlato di blockchain e criptovalute insieme a importanti questioni nel settore dei viaggi, tra cui l'overtourism.

Potenziale per una nuova valuta globale

Per quanto riguarda il futuro dei sistemi di pagamento nel settore dei viaggi, il CEO di Booking.com ha sottolineato che dovranno essere trasparenti e prioritizzare la sicurezza delle informazioni. Fogel vede il potenziale per una nuova forma di valuta globale protetta e sicura, e prevede che i contanti diventino sempre più rari.

Ha sottolineato che tale valuta diventerebbe particolarmente popolare al di fuori degli Stati Uniti, dato che il Paese possiede già un sistema di pagamento con carta di credito molto diffuso:

"Quando Bitcoin è diventato famoso, molti hanno messo in dubbio la sua legittimità, e anche se il suo futuro è ancora incerto, credo che le valute basate su blockchain continueranno ad emergere e potrebbero essere accettate più ampiamente in tutto il mondo, specialmente al di fuori delgli Stati Uniti, che hanno un sistema di pagamento con carta di credito ben accettato."

Membro fondatore di Libra

Fogel è stato nominato CEO di Booking.com qualche settimana dopo che il gigante dei viaggi ha rivelato di essere un membro fondatore di Libra, la criptovaluta di Facebook, insieme ai colossi Visa e Mastercard.

Anche Gillian Tans, ex CEO di Booking.com, ha mostrato supporto per la tecnologia blockchain. Nell'aprile del 2018, Tans ha affermato che la blockchain potrebbe aiutare Booking a connettersi con le strutture e i luoghi di interesse, cosa che alla fine porterebbe dei vantaggi al cliente finale.

Quest'anno, Corporate Traveller, la più grande agenzia di travel management del Regno Unito, ha cominciato ad accettare i pagamenti in Bitcoin (BTC).