Corea del Sud: autorità finanziaria verificherà le misure AML sulle criptovalute adottate dalle banche

Come riportato il 21 marzo da Yonhap News, le autorità di regolamentazione della Corea del Sud eseguiranno dei controlli sulle banche locali che hanno a che fare con gli exchange di criptovalute per verificare la loro conformità alle linee guida anti riciclaggio di denaro (AML).

Secondo Yonhap, la Financial Intelligence Unit (KoFIU) e la Financial Supervisory Commission (FSC) inizieranno ad esaminare i conti bancari degli exchange nel mese prossimo.

A dicembre, la FSC ha annunciato di vietare il trading anonimo di criptovalute e di richiedere, a partire dal 30 gennaio di quest'anno, che i conti dei trader vengano associati a conti bancari registrati con il loro vero nome.

Dopo aver smentito le voci di una presunta messa al bando del trading di criptovalute nel paese, il Ministro delle Finanze sudcoreano Kim Dong-yeon ha ribadito che il governo non vieterà o "sopprimerà" tale mercato

Il 6 marzo, il governo della Corea del Sud ha vietato ai suoi funzionari di detenere e scambiare criptovalute, ai sensi della legge dei dipendenti pubblici. Il 24 febbraio, la Blockchain Industry Association sudcoreana ha annunciato di ispezionare 33 dei suoi membri, tra cui gli exchange di criptovalute Coinone, Bithumb e Korbit per valutare la loro conformità alle misure di autoregolamentazione.