La Thai SEC aggiunge tre nuove criptovalute alla propria lista di asset adatti a ICO e trading

La Securities and Exchange Commission thailandese (Thai SEC) ha aggiornato la propria lista delle criptovalute adatte all'utilizzo nelle Initial Coin Offering (ICO), negli investimenti e nelle coppie di cambio.

Fino ad oggi, secondo le leggi della Thailandia soltanto Bitcoin (BTC), Ethereum (ETH), Ripple (XRP) e Stellar (XLM) potevano essere essere adoperate per gli scopi citati in precedenza. In un recente annuncio, la Commission ha informato il pubblico che anche Bitcoin Cash (BCH), Ethereum Classic (ETC) e Litecoin (LTC) sono state ufficialmente aggiunte alla lista.

Ciononostante, all'interno del documento viene sottolineato che la presenza di monete all'interno di tale lista non ne garantisce il corso legale.

Questo mese l'Assemblea Legislativa Nazionale della Thailandia ha anche approvato la distribuzione su blockchain di security tokenizzate. Stando ad un articolo pubblicato sul Bangkok Post, un importante quotidiano locale, il governo pianifica infatti di apportare modifiche al Securities and Exchange Act, così che azioni e obbligazioni digitali possano essere legalmente divulgate su una rete blockchain.

A gennaio, il National Electronics and Computer Technology Center (NECTEC) della Thailandia aveva annunciato la realizzazione di una nuova tecnologia blockchain per il voto digitale. Tale tecnologia verrà inizialmente dispiegata parallelamente al sistema di voto tradizionale. Successivamente, quando la rete 5G verrà adottata su larga scala, l'intero sistema elettorale verrà trasferito sulla nuova piattaforma.