Una casa d'aste britannica venderà 430.000$ in criptovalute sequestrate dalla polizia belga

La casa d'aste Wilsons Auctions, che ha sede nel Regno Unito e in Irlanda, terrà la sua prima asta di Bitcoin (BTC) a fine febbraio, grazie ad un accordo con il governo federale belga. La notizia è stata annunciata in un post sul blog dell'azienda il 18 febbraio.

L'asta venderà un quantitativo di criptovalute equivalente a circa 430.000$. Gli asset erano stati sequestrati dalla polizia belga a seguito di un caso di traffico di droga che prevedeva l'uso della darknet.

L'asta online, della durata di 24 ore, inizierà il 28 febbraio alle 12:00 GMT e terminerà il 1° marzo. Secondo il comunicato stampa, sarà aperta al pubblico di tutto il mondo.

Wilsons Auctions ha specificato che le criptovalute (circa 315 monete) verranno divise in diversi lotti. Secondo la società, l'importo comprende 104,99 monete di BTC, 104,99 monete di Bitcoin Gold (BTG) e altrettante di Bitcoin Cash (BCH). I lotti di Bitcoin saranno formati da 0,5 a 4 BTC ciascuno, mentre quelli BTG e BCH conterranno più monete.

Inoltre, il 28 febbraio, l'azienda venderà alcuni BTC presso la sua Unreserved Government Auction a Belfast, nell'Irlanda del Nord. L'importo delle monete non è però stato rivelato.

Aidan Larkin, Head of Asset Recovery di Wilsons Auctions, ha dichiarato che la compagnia è pronta ad offrire i loro servizi per la vendita di criptovalute sequestrate ai governi e alle forze dell'ordine di tutto il mondo.

Qualche settimana fa, Wilsons Auctions ha organizzato un'asta di Monero (XMR) a cui hanno partecipato utenti provenienti da 69 paesi in tutto il mondo. Il Monero in oggetto, circa 167,7 monete, era stato sequestrato dalle forze dell'ordine inglesi.

Come spiegato in precedenza da Cointelegraph, le aste sono usate piuttosto frequentemente per vendere le criptovalute sequestrate, soprattutto negli Stati Uniti. L'anno scorso anche il governo finlandese ha condotto un'asta simile, vendendo circa 2.000 BTC sequestrati nel 2016.