Schemi fraudolenti a base di Bitcoin e Litecoin: multa da 1,1 mln di dollari e 15 anni di carcere per un uomo statunitense

Il cittadino statunitense Joseph Kim, residente a Phoenix, in Arizona, ha ricevuto una multa da 1,1 milioni di dollari e una condanna a 15 mesi di carcere per appropriazione indebita di Bitcoin (BTC) e Litecoin (LTC) da diverse persone. Lo rivela un rapporto della Commodity Futures Trading Commission (CFTC) degli Stati Uniti pubblicato venerdì 9 novembre.

La CFTC ha scoperto che Kim ha frodato il suo datore di lavoro, una società di trading con sede a Chicago, trasferendo circa 601.000$ in BTC e LTC sui suoi conti nel 2017. Quando gli è stato chiesto che fine avessero fatto le criptovalute mancanti, Kim ha dichiarato di essere stato costretto a trasferirle su altri conti per ragioni di sicurezza. Poco dopo si scoprì che si trattava di appropriazione indebita, e Kim fu licenziato.

Secondo quanto riferito, Kim ha poi truffato degli investitori privati ​​per restituire i fondi al suo datore di lavoro. Secondo la CFTC, ha convinto cinque persone a fornirgli circa 545.000 dollari in criptovalute, affermando di aver lasciato la compagnia volontariamente per avviare la propria società di trading. Successivamente Kim perse tutti i fondi degli investitori in seguito ad una scommessa ad alto rischio.

Date le circostanze del caso, la CFTC ha ordinato a Kim di restituire 1,1 milioni di dollari alla sua azienda e ai suoi clienti. Inoltre, la commissione l'ha interdetto permanentemente dalle attività di trading.

In un'altra azione legale intrapresa dal Procuratore degli Stati Uniti per il Distretto Settentrionale dell'Illinois, Kim è stato dichiarato colpevole di frode e appropriazione indebita di fondi, e ha ricevuto una condanna di 15 mesi.

Il direttore esecutivo della CFTC James McDonald ha affermato che la commissione continuerà a collaborare con il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti (DoJ) e l'FBI per prevenire i reati legati alle criptovalute.

Poco tempo fa, la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha accusato Zachary Coburn, fondatore della piattaforma di trading di token EtherDelta, di aver gestito un exchange di security non registrato. Dovrà ora pagare circa 400.000$ tra multe e sanzioni.