Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash, Ripple, Stellar, Litecoin, Cardano, NEO, EOS: Analisi dei prezzi, 16 aprile

Le idee e le opinioni espresse in questo articolo sono unicamente quelle dell'autore, e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cointelegraph.com. Qualsiasi scambio o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre la propria ricerca prima di prendere una decisione definitiva.

I dati di mercato sono stati forniti dal servizio di exchange HitBTC.

Le criptovalute hanno già toccato il fondo dopo questo breve pullback caleranno ancora? Al momento tutti i partecipanti del mercato sono afflitti da questo dilemma.

L'esistenza di un bottom può essere confermata solo col senno di poi, ma gli analisti provano a farlo in anticipo, utilizzando varie tecniche.

Una di queste previsioni arriva dal fondo speculativo di valute virtuali Pantera Capital Management. Il suo CEO Dan Morehead crede che il minimo di Bitcoin di 6.500$ sia probabilmente un bottom. Ma perché prenderlo sul serio?

Forse perché a dicembre, predisse correttamente che Bitcoin sarebbe sceso del 50%. Inoltre, è conosciuto come un tipo che non fa molte previsioni. Morehead si aspetta che Bitcoin superi i 20.000$ entro fine anno.

E non è l'unico a pensarla così. Anche Tom Lee di Fundstrat sostiene che Bitcoin possa arrivare a 25.000$ entro quest'anno.

Il magnate degli investimenti Tim Draper, prevede che entro il 2022 Bitcoin raggiunga l'esorbitante cifra di 250.000$ e Brian Kelly, fondatore e CEO di BKCM LLC, una società di investimenti focalizzati sulle valute digitali sembra concordare.

BTC/USD

Avevamo menzionato nella nostra analisi precedente che Bitcoin avrebbe trovato resistenza in prossimità della SMA a 50 giorni, ed è proprio quello che è successo. Negli ultimi due giorni, la valuta virtuale ha provato a sorpassarla. Oggi, i prezzi sono scesi leggermente.

BTC/USD

Ci aspettiamo che l'EMA a 20 giorni agisca da forte supporto in caso di eventuali crolli. Entrambe le medie mobili si sono appiattite, segnale che a breve si formerà un range, piuttosto che un trend.

Il supporto del range è probabilmente 6.757,26$. La resistenza del range non è ancora definitiva, dato che se i rialzisti dovessero riuscire ad abbattere il muro della SMA a 50 giorni, la coppia BTC/USD potrebbe arrivare a quota 9.400$.

Le nostre vedute saranno invalidate da eventuali cali al di sotto dei 6.700$. In quel caso, è possibile che si ritorni al minimo del 6 febbraio di 6.075$.

I trader possono continuare a mantenere le loro posizioni long con lo stop loss di 6.700$.

ETH/USD

Pensavamo che Ethereum avrebbe raggiunto l'SMA a 50 giorni, ma è cominciato a scendere una volta raggiunti i 537.56$. Ora può correggersi verso l'EMA a 20 giorni, e più in basso verso quota 418.79$.

ETH/USD

Se uno dei due supporti dovesse reggere, i rialzisti proveranno di nuovo a spingere la coppia ETH/USD verso la SMA a 50 giorni. Quindi, i trader possono adottare posizioni long in caso di cali, con uno stop loss di 355$.

L'EMA a 20 giorni sta salendo: ciò potrebbe dare inizio ad un'azione di trading range bound, oppure ad un nuovo trend. Tra qualche giorno sarà più facile intuire cosa succederà.

BCH/USD

Nella nostra precedente analisi, avevamo consigliato di adottare posizioni long su Bitcoin Cash a 779$. Negli ultimi quattro giorni, la valuta digitale è rimasta in un intervallo ristretto. Se i ribassisti dovessero riuscire a mantenere i prezzi sotto quota 778.2021$, potrebbe partire un'azione di trading range bound.

BCH/USD

Se la coppia BCH/USD dovesse superare l'EMA a 20 giorni di 765$, potrebbe raggiungere la SMA a 50 giorni, a quota 945$.

In occasioni precedenti, la SMA a 50 giorni non ha mai fornito una resistenza considerevole, quindi ci aspettiamo che l'eventuale risalita si estenda a quota 1114$.

Le nostre vedute rialziste saranno invalidate da una caduta verso i 619,75$. Quindi, riproponiamo uno stop loss di 610$.

XRP/USD

Ripple sta avendo difficoltà a superare la SMA a 50 giorni. Probabilmente, i ribassisti proveranno a riportare la valuta digitale di nuovo a quota 0,56270$. Se dovesse succedere, potrebbe verificarsi un re-test del minimo dell'1 aprile di 0,45351$.

XRP/USD

D'altro canto, se i rialzisti dovessero riuscire a difendere quota 0,56270$, si potrebbero adottare posizioni long sulla coppia XRP/USD con uno stop loss di 0,45$.

Il primo target sono i 0,7$, più in alto si punta invece a 0,83$.

XLM/USD

Stellar ha chiuso la giornata del 15 aprile al di sopra del canale discendente, che era il nostro livello d'acquisto consigliato.

XLM/USD

È la prima volta che quest'anno la coppia XLM/USD esce dal canale, e a febbraio ha superato la SMA a 50 giorni. Entrambe le cose indicano che i rialzisti sfruttano i livelli inferiori per accumulare.

Le medie mobili si stanno per incontrare, altro segnale positivo.

La valuta digitale ritesterà la soglia di breakout dal canale. Se questo livello reggerà, dovrebbe partire una risalita prima verso il target di 0,36$ e poi verso i 0,47$.

Un eventuale rientro nel canale sarà invece un segnale ribassista. Copriremo le nostre posizioni in caso di chiusura al di sotto dei 0,18$.

LTC/USD

Anche se Litecoin ha superato la linea di downtrend 1, non riesce a scavalcare la resistenza orizzontale di 141,026$.

LTC/USD

Negli ultimi quattro giorni, la coppia LTC/USD si è stabilizzata in un intervallo ristretto in prossimità di tale resistenza.

Anche in caso di superamento, troverà ulteriore resistenza sulla linea di downtrend 2.

Data l'assenza di un investimento con un buon rapporto rischio/profitto, rimaniamo neutrali. Le nostre vedute cambieranno una volta superata la linea di downtrend 2.

ADA/BTC

Le posizioni long su Cardano da noi consigliate stanno per raggiungere il primo target di 0.0000323, dove è possibile riscuotere parte dei profitti. Le rimanenti posizioni si possono mantenere, alzando lo stop loss, con un target di 0.000035.

ADA/BTC

Il retest positivo della soglia di breakout di 0.00002460 avvenuto il 14 aprile è un segnale rialzista. Inoltre, l'EMA a 20 giorni e la SMA a 50 giorni si sono intersecate.

Quindi, suggeriamo di alzare gli stop loss della coppia ADA/BTC da 0.000021 a 0.000023.

NEO/USD

Le nostre posizioni long su NEO sono state aperte il 12 aprile, quando è stata raggiunta quota 64$. Ci aspettavamo di raggiungere velocemente gli 88$, ma negli ultimi quattro giorni la valuta digitale ha avuto difficoltà a rimanere al di sopra dei 64$.

NEO/USD

La prossima resistenza si trova in prossimità della SMA a 50 giorni. Una volta superata, la coppia NEO/USD dovrebbe raggiungere la linea di downtrend del triangolo discendente.

Il supporto più vicino, invece, è l'EMA a 20 giorni. Se i rialzisti non dovessero riuscire a difendere tale soglia, è possibile un retest del minimo di 44,16$.

I trader dovrebbero mantenere le loro posizioni con uno stop loss di 44$, chiudendole in anticipo in caso di rottura dei supporti critici.

EOS/USD

I trader che ci seguono avranno probabilmente aperto delle posizioni long su EOS a quota 7,5$. Abbiamo suggerito di riscuotere parte dei profitti a 9,5$, ma la criptovaluta non ha raggiunto tale soglia. Al momento, è possibile che si verifichi un retest della soglia di breakout di 7,28$.

EOS/USD

Le medie mobili si sono intersecate, il che è un segnale positivo. L'EMA a 20 giorni è appena sotto il supporto orizzontale critico di 7,28$.

Ci aspettiamo un forte balzo da questi livelli, che dovrebbe catapultare di nuovo la coppia EOS/USD verso il target di 11$.

In caso di rottura dei supporti in prossimità delle due medie mobili, possiamo chiudere le nostre posizioni senza aspettare di raggiungere lo stop loss, inizialmente impostato a 5,5$.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC. I grafici per le analisi sono stati forniti da TradingView.