Quest'anno il prezzo del Bitcoin supererà quota 20.000$, ha dichiarato il fondo d'investimento Pantera Capital

Pantera Capital Management, un fondo d'investimento specializzato in criptovalute, ha dichiarato che il prezzo di 6.500$ raggiunto dal Bitcoin (BTC) rappresenta probabilmente il minimo per la criptovaluta, e che sia lecito aspettarsi il superamento di quota 20.000$ entro fine anno.

 

A dicembre dello scorso anno, il CEO di Pantera Capital Dan Morehead aveva previsto che il prezzo del Bitcoin sarebbe crollato di circa il 50%, per poi salire nuovamente e raggiungere nuove vette. Ed effettivamente la prima parte del pronostico si è realizzata: a febbraio il valore del BTC è sceso sotto i 7.000$, un crollo di circa il 65%.

Da allora il prezzo del BTC ha subito un considerevole rialzo, specialmente dopo l'impennata da 1.000$ in appena 30 minuti del 12 aprile. Al momento il valore della criptovaluta è di circa 7.935$, in calo dell'1,9% al momento della stesura di questo articolo.

"Raramente sono così convinto delle tempistiche. Un'ondata di denaro istituzionale spingerà i mercati molto più in alto", ha scritto Morehead in un recente bollettino informativo. Questa settimana, vari importanti membri di Wall Street si sono avvicinati al mercato delle criptovalute, quando Venrock ha confermato la propria collaborazione con la società d'investimento Coinfund.

Pare inoltre che un dirigente di Goldman Sachs abbia abbandonato la compagnia per unirsi alla banca commerciale di monete digitali fondata da Michael Novogratz. Alcune voci di corridoio affermano che anche il Soros Management Fund abbia intenzione di entrare nel mercato delle criptovalute.

"La mia opinione professionale è che siamo solo agli inizi di un'industria multidecennale", ha aggiunto Morehead. Per quanto riguarda invece il recente crollo del Bitcoin, l'uomo ha commentato: "un raro segnale d'acquisto".

“Se puoi comprare qualcosa che valeva 20.000$ a 7.000$, probabilmente è un buon affare."

La recente impennata del BTC potrebbe essere in parte legata ad un calo della vendita di criptovalute in preparazione al 17 aprile, l'ultima giornata per dichiarare i propri redditi negli Stati Uniti. Questa teoria è stata avanzata da Tom Lee di Fundstrat, quando i mercati erano ancora in forte ribasso. Morehead concorda con questa analisi, affermando: "immagino che una fetta della pressione di vendita sia stata causata da posizioni fiscali indesiderate".

Questa settimana, il magnate della finanza Tim Draper ha previsto il raggiungimento di quota 250.000$ da parte del Bitcoin entro il 2022. Nel 2014, quando il valore di un BTC era di appena 320$, Draper affermò che nel 2017 la criptovaluta avrebbe superato i 10.000$: indovinerà anche questa volta?