Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash, Ripple, Stellar, Litecoin, Cardano, NEO, EOS: Analisi dei prezzi, 26 marzo

Le idee e le opinioni espresse in questo articolo sono unicamente quelle dell'autore, e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cointelegraph.com. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre la propria ricerca prima di prendere una decisione definitiva.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC..

In un mercato al ribasso, la paura annebbia il giudizio degli investitori, spingendoli a sbarazzarsi dei propri fondi. Qualcuno crede che la bolla Bitcoin stia per scoppiare, altri pensano che il recente crollo non sia altro che una correzione, che porterà a prezzi molto più alti in futuro.

David Drake, fondatore di LDJ Capital, crede che il Bitcoin subirà un'impennata a 30.000$ entro fino anno. Si tratterebbe di un profitto del 262% rispetto ai livelli correnti.

Jack Dorsey, CEO di Twitter e Square, è invece sicuro che un giorno il Bitcoin rimpiazzerà completamente il denaro tradizionale.

Alcune voci positive in un mare di malinconia. Diamo un'occhiata al quadro a breve termine, per vedere se la situazione migliorerà o meno.

BTC/USD

Nonostante il Bitcoin abbia superato il canale discendente in data 20 marzo, non è riuscito ad oltrepassare anche la EMA a 20 giorni. Al momento i prezzi rischiano di scendere nuovamente all'interno del canale, uno sviluppo ribassista. Le nostre posizioni long aperte a 8.800$ sono al momento in perdita. La configurazione sembra inoltre negativa: consigliamo pertanto di fissare una perdita per il 50% delle posizioni aperte, mantenendo il resto con uno stop loss a 7.600$.

BTC/USD

Il prossimo supporto è rappresentato dal minimo del 18 marzo di 7.715$, sotto il quale è possibile un nuovo test del minimo del 6 febbraio di 6.075$.

La nostra visione ribassista della coppia BTC/USD verrebbe invalidata se i prezzi riuscissero a superare la EMA a 50 giorni.

ETH/USD

Ethereum si trova in forte downtrend. Continua ad essere scambiato all'interno del canale e al di sotto di entrambe le medie mobili, le quali scendono rapidamente. Il tentativo di ripresa a quota 590$ da parte dei rialzisti non ha avuto l'effetto sperato.

ETH/USD

L'ultimo supporto critico è rappresentato dal minimo del 18 marzo di 452,32$. Sotto questo livello, la coppia ETH/USD potrebbe crollare fino a 385$.

Il grafico RSI mostra che gli investitori hanno esagerato con la vendita della criptovaluta; prevediamo pertanto un nuovo tentativo di rialzo nei prossimi giorni. Il primo segno di forza per la moneta sarà al raggiungimento di quota 600$. Fino ad allora, continueremo a vendere durante i rialzi.

BCH/USD

Bitcoin Cash è sceso sotto quota 1.000$ dopo aver mantenuto tale livello per tre giorni. Il prossimo supporto è rappresentato dal minimo del 18 marzo di 884,79$

BCH/USD

Se la coppia BCH/USD dovesse scendere ancora, verrebbe nuovamente testato il minimo del 6 febbraio di 778,20$. I ribassisti sono in chiaro vantaggio, non permettendo alla criptovaluta di superare la EMA a 20 giorni sin dal 21 febbraio.

La nostre visione diverrebbe positiva solo nel caso in cui la criptovaluta riuscisse a superare la SMA a 50 giorni.  

XRP/USD

Per quanto riguarda Ripple, la nostra previsione su movimenti range bound si è rivelata errata. I prezzi sono crollati verso l'area inferiore dell'intervallo, a quota 0,56270$. Le posizioni long a 0,71$ da noi suggerite in data 19 marzo sono pesantemente in rosso. Il nostro stop loss è a 0,52$, appena sotto il minimo del 18 gennaio.

XRP/USD

Se la coppia XRP/USD scendesse sotto i 0,5375$, è possibile un crollo fino a quota 0,22$, in quanto non esiste alcun tipo di supporto tra i due valori.

La criptovaluta diverrebbe positiva solo a 0,72$.

XLM/USD

Stellar non ha chiuso al di sopra del nostro segnale d'acquisto a 0,25$, come consigliato nella nostra precedente analisi. Pertanto non abbiamo aperto alcuna posizione per questa criptovaluta.

XLM/USD

La coppia XLM/USD sta gradualmente scendendo verso quota 0,2$, che rappresenta un supporto critico. Se anche questo supporto dovesse rompersi, è possibile che la valuta scivoli fino al supporto del canale discendente attorno a 0,1$.

Consigliamo di attendere uno sviluppo positivo dei prezzi prima di aprire posizioni long.

LTC/USD

La nostra posizione long per Litecoin, consigliata a 165$, è in perdita. I trader che hanno aperto posizioni long dovrebbero mantenere lo stop loss a 142$.

LTC/USD

La coppia LTC/USD è nuovamente scesa sotto la downtrend line, chiaro segno ribassista. Il supporto critico è rappresentato dal minimo del 18 marzo di 144,54$. Se tale livello non dovesse reggere, la linea di supporto del triangolo simmetrico offrirà supporto a 127$, sotto il quale è possibile un nuovo test del minimo del 2 febbraio di 107,102$.

La nostra visione della criptovaluta tornerà positiva solo nel caso in cui superi quota 200$.

ADA/BTC

Nonostante Cardano abbia superato la downtrend line in data 21 marzo, la criptovaluta non è riuscita ad oltrepassare la EMA a 20 giorni e la resistenza orizzontale a 0,00002460. I nostri livelli d'acquisto a 0,000025 non sono stati raggiunti, e pertanto vengono cancellati.

ADA/BTC

La coppia ADA/BTC spenderà qualche giorno nel range compreso tra 0,00001690 e 0,00002460. Un breakdown da questo supporto rappresenterebbe uno sviluppo ribassista, mentre un breakout farebbe lievitare i prezzi. Pertanto, consigliamo di attendere fino al breakout o perlomeno al raggiungimento della resistenza superiore prima di iniziare gli scambi.

NEO/USD

NEO ha formato un pattern a triangolo discendente, che verrà completato con un breakdown ed una chiusura inferiore a 65$.

NEO/USD

Dopo un rialzo iniziale dal minimo del 18 marzo di 49,04$, ci aspettavamo una forte difesa di quota 65$ da parte dei rialzisti durante il pullback. Tuttavia, incapace negli ultimi tre giorni di superare i 70$, la criptovaluta è crollata fino ai livelli di supporto.

Se anche il supporto a 49,04$ dovesse rompersi, la coppia NEO/USD potrebbe scivolare fino a quota 31,15$. La nostra visione ribassista verrebbe invalidata se il prezzo riuscisse a raggiungere i 65$, stabilizzandosi su quel livello.

EOS/USD

Volevamo acquistare EOS al superamento del canale discendente, ma tale movimento non è mai avvenuto. Dopo aver fluttuato sopra la EMA a 20 giorni negli ultimi 5 giorni, i prezzi sono crollati.

EOS/USD

La coppia EOS/USD possiede un debole supporto a 5,84$. Sotto di esso, il prossimo supporto si trova a 5$.

D'altra parte, anche se i rialzisti riuscissero a spingere i prezzi al di sopra della EMA a 20 giorni, incontrerebbero una forte resistenza alla SMA a 50 giorni.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC. I grafici per le analisi sono stati forniti da TradingView.