Nel 2019, il numero di americani in possesso di criptovalute è raddoppiato

Nell'ultimo anno il numero di americani in possesso di criptovalute è quasi raddoppiato, passando dal 7,95% del 2018 all'attuale 14,4%: lo rivela un sondaggio recentemente condotto da Finder.

6,5 milioni di americani possiedono criptovalute

Finder, società australiana operante nel settore dei servizi finanziari, ha scoperto grazie ad un sondaggio intitolato "A rising number of Americans own crypto" che oggi ben 36,5 milioni di persone negli Stati Uniti possiedono una qualche forma di criptovaluta.

Lo studio svela che in media i cittadini statunitensi possiedono circa 5.447$ in criptovalute. Tuttavia, quasi tre quarti degli intervistati detiene in realtà una quantità di criptovalute di gran lunga inferiore: il valore mediano è infatti di appena 360$.

Più di metà dei detentori di criptovalute sono considerati "crypto-poligami", in quanto il 55,4% degli investitori in Bitcoin (BTC) intervistati da Finder sostiene di possedere anche altre tipologie di monete digitali.

Come svelato anche da altri sondaggi, il numero di uomini in possesso di criptovalute è quasi due volte maggior rispetto a quello delle donne: il 19% degli uomini detiene qualche tipo di criptovaluta, contro il 10% delle donne.

Tre ragioni per acquistare, e non acquistare, criptovalute

Finder ha scoperto che il 61% dei partecipanti al sondaggio possiede criptovalute a fini d'investimento, mentre soltanto il 29,3% le utilizza per portare a termine delle transazioni. Il 25,6% sfrutta invece questa tecnologia per depositare il proprio patrimonio al di fuori delle istituzioni finanziarie tradizionali.

Al tempo stesso, l'eccessiva complessità rimane una delle principali barriere d'ingresso al settore delle criptovalute: il 47,9% ha infatti definito questa tecnologia "troppo complicata o difficile da comprendere". Il 45% delle persone non è invece per nulla interessato alle criptovalute, mentre il 23% considera questo genere d'investimento ancora troppo rischioso.

Un sondaggio condotto lo scorso mese da ING Bank, un importante gruppo bancario olandese, il 32% dei cittadini europei sostiene che le criptovalute siano il futuro degli acquisti online.