Il token XRP di Ripple potrebbe raggiungere 1$ nei prossimi giorni, secondo una classica configurazione del grafico tecnico.

Denominato "doppio minimo", l'indicatore di inversione di tendenza appare dopo che il prezzo ha toccato il fondo ad un determinato livello, rimbalza verso un livello di resistenza più in alto e si avvicina al primo bottom inferiore, per rimbalzare nuovamente sulla linea di resistenza precedente (detta anche "neckline").

Se il prezzo chiuderà al di sopra della neckline, è previsto un movimento esteso verso l'alto, la cui lunghezza sarà uguale all'altezza totale tra la neckline e il livello di bottom. Sembra che XRP sia vicino all'esecuzione completa del pattern, come mostrato nel grafico sottostante.

Configurazione attuale del doppio minimo di XRP. Fonte: TradingView

XRP/USD ha formato il primo minimo a 0,65$ il 22 giugno, rimbalzando verso la resistenza della neckline a 0,75$. Ha poi ulteriormente corretto per registrare il secondo minimo a 0,51$, seguito da una vigorosa spinta verso la resistenza dei 0,75$ e il successivo breakout.

In altre parole, XRP ha una discreta possibilità di testare 1$ come obiettivo di profitto del suo pattern double bottom.

In effetti, una ricerca condotta da Samurai Trading Academy mostra che i doppi minimi, o double bottom, hanno un tasso di successo del 78,55%.

D'altro canto, l'indicatore di forza relativa giornaliera (RSI) di XRP indica valutazioni intermedie eccessive. A 72,29, l'RSI si configura nella regione di ipercomprato, suggerendo un imminente periodo di vendita.

Fondamentali

Dopo il minimo siglato il 20 luglio a quota 0,514$, Il prezzo di XRP è aumentato del 77,39% raggiungendo i 0,91$.

La maggior parte dei suoi guadagni è arrivata sulla scia di un rally rialzista del mercato, guidato dall'euforia che ha circondato l'aggiornamento software di Ethereum.

Il 20 luglio segna la giornata di minimo per entrambe le monete: Ether, da 1.718,41$ è poi salita dell'89,13% siglando i 3.235$; XRP segnava i 0,516$. Di conseguenza, sembra che XRP abbia semplicemente seguito la tendenza del mercato delle criptovalute, grazie al suo tasso di correlazione positiva di 0,69 con Ether (ETH), secondo i dati medi mensili riportati da CryptoWatch.

Aggiornamento SEC contro Ripple

Nell'ultima serie di eventi, la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti non è riuscita a presentare documenti interni nonostante due ordini del giudice Sarah Netburn su richiesta dell'imputato, Ripple Labs.

Ripple Labs ha presentato una mozione all'inizio di giugno per costringere la SEC a consegnare le sue comunicazioni interne relative alle criptovalute rivali di XRP, Bitcoin (BTC) ed Ether. Netburn ha approvato la mozione, ma la SEC non ha consegnato alcun documento.

Financial Feeds ha sottolineato che Netburn può ordinare sanzioni pecuniarie contro la SEC per non aver rispettato un ordine del tribunale. Inoltre, può persino respingere il caso dell'autorità di regolamentazione dei titoli degli Stati Uniti contro Ripple Labs se il primo non dovesse collaborare.

Correlato: La SEC vuole ‘terabyte’ di comunicazioni su Slack tra i dipendenti di Ripple

Nel frattempo, il presidente della SEC Gary Gensler ha affermato nella sua risposta alla senatrice Elizabeth Warren che i suoi mezzi per determinare se un asset digitale è o meno una security è chiara, aggiungendo che:

"La SEC continuerà a portare le nostre autorità fino in fondo. [...] Non abbiamo ancora perso un caso".
"Lo trovo divertente: ha sottolineato che non hanno mai perso una causa. Questo perché la maggior parte non ha il capitale o non è disposta a rischiare tutto per continuare a combattere una rissa truccata. Sfortunatamente per @SECGov hanno incontrato pane per i loro denti con @Ripple."

La causa della SEC contro Ripple, iniziata nel dicembre 2020, ha danneggiato le prospettive di investimento in XRP. Il valore di XRP è sceso di quasi l'80% in un mese (a $ 0,168). Ha anche subito il delisting su vari exchange regolamentati, tra cui Coinbase, Bitstamp, Crypto.com, OKCoin, Wirex e altri.