Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash, Ripple, Stellar, Litecoin, Cardano, NEO, EOS: Analisi dei prezzi, 28 febbraio

Le idee e le opinioni espresse in questo articolo sono unicamente quelle dell'autore, e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cointelegraph.com. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre la propria ricerca prima di prendere una decisione definitiva.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC

In data 27 febbraio Bill Gates, celebre uomo d'affari e filantropo nonché principale fondatore di Microsoft Corporation, ha affermato durante una sessione AMA (Ask Me Anything) su Reddit che le criptovalute causano morti "in maniera piuttosto diretta". Anche se alcuni investitori sono diventati vittime di rapimenti e furti, questi avvenimenti non dovrebbero far passare in secondo piano il vero potenziale delle criptovalute e della tecnologia Blockchain.

Come i nostri lettori avranno intuito dai movimenti degli ultimi mesi, le criptovalute dovrebbero essere utilizzate con cautela. Ma se si riesce a prendere la giusta decizione grazie allo studio dei grafici, i trade possono essere parecchio remunerativi.

BTC/USD

Nella nostra precedente analisi, avevamo previsto che il Bitcoin avrebbe raggiunto la linea di resistenza del canale discendente a 11.500$, dopo aver superato la SMA a 50 giorni. Oggi, la criptovaluta ha raggiunto un picco infragiornaliero a 11.147,99$.

BTC/USD

Crediamo che l'area tra 11.400$ e 12.200$ rappresenterà una forte resistenza. Pertanto, i trader più aggressivi dovrebbero ricavare profitti dal 50% delle proprie posizioni ai livelli attuali, mantenendo le altre con uno stop loss adeguata e frequentemente aggiornata.

Il superamento di quota 12.200$ completerebbe un disegno testa e spalle invertito, che spingerebbe la coppia BTC/USD nuovamente attorno ai 18.000$.

Le tendenze ribassiste potrebbero farsi più forti se la valuta dovesse scendere sotto quota 9.400$. Fino ad allora, le tendenze rialziste rimangono in vantaggio.

ETH/USD

Avevamo previsto che Ethereum avrebbe superato la EMA a 20 giorni, impennando verso la linea di resistenza del canale discendente. Tuttavia, negli ultimi due giorni i rialzisti hanno fallito il proprio breakout, piazzandosi vicino al moving average.

ETH/USD

Se la coppia ETH/USD dovesse scendere al disotto della EMA a 20 giorni e della trendline del triangolo ascendente, si tratterebbe di uno sviluppo ribassista. In caso di declino, l'area tra i 770$ ed i 780$ rappresenterebbe un forte supporto.

Pertanto, i trader possono incrementare il proprio stop loss fino al breakeven per metà delle proprie posizioni, mantenento lo stop loss a 780$ per il rimanente 50%. Cerchiamo di ridurre i rischi.

BCH/USD

Non vediamo ancora segni di ripresa per Bitcoin Cash. Negli ultimi sei giorni, il prezzo è rimasto bloccato nel breve intervallo da 1.150$ e 1.355$. Sia la EMA a 20 giorni che la SMA a 50 giorni si stanno abbassando, il che mostra come le correnti ribassiste stiano avendo la meglio.   

BCH/USD

Se dovesse scendere sotto i livelli di supporto a 1.150$, una caduta fino a 854$ è molto probabile. D'altra parte, se i rialzisti riuscissero a superare quota 1.355$, è probabile invece un movimento verso 1.600$.

Non siamo sicuri se i prossimi movimenti saranno verso l'alto o il basso. Abbiamo fornito una breve analisi per entrambe le possibilità, ma sconsigliamo di eseguire trade di BCH/USD al momento.

XRP/USD

Nel corso della nostra precedente analisi avevamo ipotizzato movimenti di prezzo range bound per Ripple. Le previsioni si sono avverate. Attualmente la criptovaluta è bloccata in un range molto ristretto, con una resistenza superiore a 0,98669$ ed un supporto di 0,85$.

XRP/USD

Se la tendenza ribassista dovesse prevalere, portando il prezzo al disotto di questo range ristretto, è probabile che assisteremo ad un crollo fino a 0,72$. Al contrario, in caso di uscita rialzista dal range, potremmo aspettarci una mossa verso il SMA a 50 giorni. Fino ad allora, la coppia XRP/USD rimarrà probabilmente all’interno del range sopracitato.

XLM/USD

Stellar fatica a muoversi verso l’alto. La situazione attuale evidenzia lo scarso interesse dei compratori anche ai livelli di prezzo attuali. Il fallimento del prezzo nel rimbalzare verso l’alto dopo aver raggiunto forti livelli di supporto è un chiaro segno di debolezza.

XLM/USD

Anche le medie mobili hanno registrato una discesa, segno che il trend ribassista è attualmente predominante. Se la coppia XLM/USD dovesse scendere al disotto del supporto di 0,32$, è probabile che assisteremo ad un crollo fino a 0,22$.

D’altra parte, un eventuale spinta rialzista troverà resistenza in corrispondenza dell’EMA a 20 giorni e del SMA a 50 giorni. Finché la criptovaluta rimarrà al disotto dei 0,48$, la nostra visione rimarrà neutrale o ribassista.

LTC/USD

Il Litecoin è sceso dalla resistenza di 240$ giorno 26 febbraio. Attualmente il trading avviene vicino all’EMA a 20 giorni, un livello che dovrebbe garantire supporto.

LTC/USD

Al momento siamo interessati alla coppia LTC/USD in quanto le medie mobili hanno completato con successo un crossover rialzista. L’EMA a 20 giorni è ora al disopra del SMA a 50 giorni, il che rappresenta un segnale positivo.

Tuttavia, nel caso in cui la criptovaluta dovesse scendere al disotto dell’EMA a 20 giorni, potremmo assistere ad una discesa fino al SMA a 50 giorni. Pertanto, consigliamo di tenere lo stop loss al breakeven. Non vogliamo correre rischi quando il sentimento generale è piuttosto ribassista.

In ogni caso, Litecoin avrà una spinta una volta superati i 240$. Il nostro target rimane una corsa fino a 270$ e, successivamente, 300$.

ADA/BTC

Nella nostra analisi precedente avevamo consigliato di chiudere le nostre posizioni aggressive sul Cardano. La scelta si è rivelata corretta.

ADA/BTC

La coppia ADA/BTC ha rotto i livelli di 0.000030 e sta scendendo verso il supporto successivo, a 0.0000246.

L’unico risvolto positivo è rappresentato dall’RSI. L’indicatore mostra infatti segni di divergenza positiva. Tuttavia, sconsigliamo l’acquisto della criptovaluta finché il prezzo non sarà al disopra dell’EMA a 20 giorni e della downtrend line.

NEO/USD

I trader che seguono regolarmente le nostre analisi hanno aperto posizioni long su NEO a 126$. Giorno 27 febbraio la criptovaluta ha rotto la resistenza critica di 140$, ma non ha trovato supporto.

NEO/USD

Continuiamo ad avere fiducia nella coppia NEO/USD, in quanto il prezzo ha rotto un pattern ribassista ed ha trovato supporto al disopra dell’EMA a 20 giorni e del SMA a 50 giorni.

Il nostro target rimane una corsa fino a 170$. Lo stop loss può essere mantenuto a 105$. Consigliamo ai trader di modificare lo stop loss non appena la criptovaluta salirà sopra i 150$, portandolo al breakeven.

EOS/USD

EOS è uscito dalla downtrend line giorno 27 febbraio, senza tuttavia oltrepassare l’EMA a 20 giorni. Attualmente il prezzo della criptovaluta ha formato un triangolo simmetrico. La prossima mossa in rialzo o in ribasso avverrà quando il prezzo uscirà dal triangolo.

EOS/USD

Se la coppia EOS/USD dovesse scendere sotto i 7,5$, potremmo aspettarci un nuovo test dei minimi di giorno 6 febbraio, a 5,7917$, anche se il target del pattern è notevolmente inferiore.

D’altra parte, in caso di breakout del triangolo, il prezzo potrebbe salire fino ai livelli di 10,119$. Consigliamo una visione rialzista solo se il prezzo troverà supporto al disopra del SMA a 50 giorni.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC. I grafici per le analisi sono stati forniti da TradingView.