Bitcoin, Ethereum, Ripple, Bitcoin Cash, EOS, Litecoin, Cardano, Stellar, IOTA: Analisi dei prezzi, 22 giugno

Le idee e le opinioni espresse in questo articolo sono unicamente quelle dell'autore, e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cointelegraph.com. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre la propria ricerca prima di prendere una decisione definitiva.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC.

Nel mondo degli investimenti, principi economici e reale prezzo di una classe di asset raramente coincidono.

Nel 2017 infatti il valore delle criptovalute è arrivato alle stelle, mentre le basi sono rimaste pressappoco invariate: questo ha portato nei mesi successivi ad una violenta correzione. Tuttavia, nonostante una grossa fetta delle criptovalute abbia registrato un crollo superiore al 50% rispetto ai massimi dello scorso anno, i fondamenti di molte monete sono migliorati.

Numerose organismi, dalle banche d'investimento alle grosse corporazioni, stanno esplorando le vaste opportunità offerte dalla tecnologia blockchain e dallo scambio di criptovalute. Anche istituzioni scolastiche, governi e banche centrali mostrano un certo interesse in questo settore.

Tuttavia, nonostante il miglioramento dei principi, i prezzi non sono aumentati: il valore delle criptovalute continua a scendere ad ogni notizia negativa. L'ultimo crollo è stato attribuito all'ente giapponese di regolamentazione finanziaria, che ha ordinato agli exchange del paese di migliorare le proprie pratiche contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo.

Si tratta di un'ottima notizia per il lungo termine, ma per adesso ha soltanto portato ad un nuovo crollo del mercato.

La situazione è decisamente frustrante, ma al tempo stesso aumentano le probabilità di un'altra impennata dei prezzi una volta che l'opinione generale sarà migliorata. Per questo siamo alla ricerca di buone opportunità d'acquisto, che mostrino una potenziale inversione del trend.

BTC/USD

Il pullback del Bitcoin si è fermato immediatamente alla downtrend line. L'incapacità dei rialzisti di superare la resistenza superiore ha attirato una nuova ondata di vendite: ora la criptovaluta dovrà difendere l'importantissimo supporto a 6.075,04$.

BTC

E i ribassisti riuscissero a spingere i prezzi sotto il livello psicologico di 6.000$, la coppia BTC/USD potrebbe scivolare fino al prossimo supporto, a quota 5.450$.

L'RSI mostra che la moneta è stata venduta in maniera eccessiva, ma tale segnale positivo non sembra aver avuto alcun effetto. Questo mostra un forte indebolimento del desiderio d'acquisto ed un rafforzamento delle vendite non appena la valuta raggiunge una resistenza. La nostra visione di un movimento range bound verrebbe invalidata nel caso in cui i prezzi dovessero scendere sotto quota 6.000$.

Ma se i rialzisti riuscissero a difendere l'area di supporto compresa tra 6.000$ e 6.075$, indicherebbe che la moneta si trova ancora all'interno di un range. Potremmo proporre l'apertura di posizioni long se i prezzi riuscissero a rimanere sopra la EMA per almeno qualche giorno.

ETH/USD

Ethereum non ha raggiunto i livelli d'acquisto da noi suggeriti nella nostra precedente analisi. Al contrario, i prezzi sono crollati non appena la moneta si è avvicinata alla resistenza superiore, rappresentata dalla EMA a 20 giorni.

ETH

Con il calo di oggi, la coppia ETH/USD è nuovamente rientrata all'interno del canale discendente: si tratta di uno sviluppo negativo. Se i ribassisti riuscissero a spingere la moneta sotto quota 450$, il prossimo supporto importante si trova a 358$.

Poiché i prezzi sono scesi dopo aver toccato la EMA a 20 giorni già in due occasioni, attenderemo il superamento di questo livello prima di suggerire l'apertura di posizioni long.

XRP/USD

L'incapacità dei rialzisti di superare quota 0,56270$ ha portato ad una nuova ondata di vendite. È pertanto probabile che Ripple scivolerà fino al supporto finale a 0,45351$.

XRP

Un breakdown da tale livello rappresenterebbe uno sviluppo fortemente negativo, in quanto il prossimo supporto si trova molto più in basso: a 0,24$. Un movimento di questo tipo completerebbe un ritracciamento 100% del rialzo iniziato a dicembre dello scorso anno.

Tuttavia, nel caso in cui i rialzisti riuscissero a difendere il livello critico di supporto, la coppia XRP/USD potrebbe tentare uno slancio sopra quota 0,56270$.

Attenderemo nuove configurazioni d'acquisto prima di consigliare lo scambio di questa moneta.

BCH/USD

Incapace di superare la downtrend line per tre giorni di seguito, il Bitcoin Cash ha subito un notevole ribasso.

BCH

Al momento sta tentando di mantenere l'area di supporto compresa tra 777,5304$ e 736,0137$: se tale livello dovesse spezzarsi, la coppia BCH/USD potrebbe scivolare fino a quota 620$.

La storia di questa criptovaluta è ricca di forti rialzi e crolli improvvisi. Attenderemo il termine dei ribassi, un'inversione di direzione ed il superamento della EMA a 20 giorni prima di proporre qualsiasi scambio.

EOS/USD

EOS sembra debole. Non è riuscito ad attrarre acquirenti a 10,3384$, ed ora entrambe le medie mobili sono in calo.

EOS

Oggi i prezzi sono scesi sotto i livelli del ritracciamento Fibonacci 78,6%: questo sviluppo aumenta la possibilità di un ritracciamento 100% dall'impennata da 5,9610$ a 23,0290$. È presente un supporto minore nell'area compresa tra 7,8$ e 8$, ma è improbabile che regga.

La nostra visione della coppia EOS/USD diverrebbe rialzista solo al superamento della downtrend line e alla formazione di nuove configurazioni d'acquisto.

LTC/USD

Da tre giorni a questa parte il desiderio d'acquisto per Litecoin è parecchio debole. La criptovaluta ha ora ripreso il proprio downtrend verso il prossimo supporto a 84,708$. Se tale livello non dovesse reggere, il crollo potrebbe estendersi fino a 75,131$.

LTC

Finché la coppia LTC/USD non supererà quota 107,102$, qualsiasi tentativo di rialzo incontrerà una forte pressione di vendita.

Il primo segnale di un cambiamento del trend sarà il superamento di quota 108$: tale movimento confermerà che i mercati hanno rifiutato i livelli inferiori. Fino ad allora, è meglio rimanere in disparte e attendere.

ADA/USD

Dopo una serie di movimenti range bound, Cardano ha ripreso la propria discesa verso il prossimo supporto a 0,13$.

ADA

Un breakdown da quota 0,13$ rappresenterebbe uno sviluppo negativo, e potrebbe far scivolare la coppia ADA/USD fino a 0,07821$.

La EMA a 20 giorni costituisce una forte resistenza sin da quando i prezzi sono scesi al sotto di essa, in data 9 maggio. Attenderemo pertanto il superamento della EMA prima di consigliare l'apertura di posizioni long.

XLM/USD

Il range ristretto di Stellar si è deciso con un movimento verso il basso: la prossima mossa sarà un crollo a quota 0,184$, un supporto critico per questa moneta.

XLM

Siamo certi che i rialzisti tenteranno di difendere il livello a 0,184$, ma la coppia XLM/USD otterrà uno slancio solo una volta superate sia la EMA a 20 giorni che la downtrend line.

Consiglieremo l'apertura di posizioni long al ritorno del desiderio d'acquisto per questa moneta.

IOTA/USD

Dopo due giorni di forte staticità, il prezzo di IOTA è sceso sotto il minimo infragiornaliero del 18 giugno, incrementando le possibilità di un crollo fino al prossimo supporto importante, a quota 0,9150.

IOTA

L'RSI mostra che la moneta è stata venduta in maniera eccessiva, aumentando le probabilità di una ripresa. I trader non dovrebbero tuttavia basare le proprie decisioni unicamente su questo grafico, specialmente quando il sentimento generale è negativo. Consigliamo di attendere un segnale d'inversione del trend prima di procedere con l'acquisto.

Tale inversione avrà probabilmente inizio quando la coppia IOTA/USD riuscirà a superare la downtrend line e la EMA a 20 giorni. Attenderemo la formazione di nuove configurazioni prima di proporre lo scambio di questa moneta.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC. I grafici per le analisi sono stati forniti da TradingView.