Bitcoin, Ethereum, Ripple, Bitcoin Cash, EOS, Stellar, Litecoin, Bitcoin SV, TRON, Cardano: Analisi dei prezzi, 4 gennaio

Le idee e le opinioni espresse in questo articolo sono unicamente quelle dell'autore, e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cointelegraph.com. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre le proprie ricerche prima di prendere una decisione definitiva.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC.

Il primissimo Bitcoin è stato generato il 3 gennaio 2009. Fra alti e bassi, da allora il valore della criptovaluta è aumentato a dismisura. Ciononostante gli oppositori continuano a credere che Bitcoin sia soltanto una truffa, e che non potrà mai diventare una reale forma di denaro o rappresentare una riserva di valore.

Al contrario, i sostenitori della moneta mantengono l'idea che in futuro Bitcoin verrà utilizzato nelle transazioni di ogni giorno, divenendo una sorta di controparte digitale dell'oro. Recentemente il celebre distributore statunitense Overstock.com ha annunciato che pagherà le proprie tasse in Bitcoin.

Lo scorso anno abbiamo assistito ad un drastico crollo dei prezzi, ma questo non ha impedito alle grandi aziende di interessarsi alle monete digitali. Circle ha svelato di aver gestito nel 2018, grazie alla propria piattaforma OTC, un volume complessivo di scambi pari a 24 miliardi di dollari: questo dimostra che il denaro istituzionale sta gradualmente entrando nel settore.

L'indicatore GTI Vera Convergence Divergence mostra che, se la pressione d'acquisto dovesse continuare, il Bitcoin raggiungerà livelli più alti. Nigel Green, fondatore e CEO della società di consulenza deVere Group, ha previsto che quest'anno le criptovalute registreranno movimenti nel complesso positivi.

Per quanto riguarda invece i movimenti a breve termine, cosa possiamo dedurre dai grafici? Scopriamolo!

BTC/USD

Sin dal 29 dicembre Bitcoin viene scambiato all'interno di un range compreso fra 3.660,84$ e 3.955,6$. La EMA a 20 giorni si è appiattita e l'RSI è leggermente negativo: la spinta dei rialzisti sembra essersi indebolita.

BTC

La coppia BTC/USD otterrà uno slancio verso l'alto al superamento di quota 4.255$, completando un pattern head and shoulders. Il target di questo movimento si trova a 5.500$, che potrebbe estendersi fino ad un massimo di 5.900$. I trader dovrebbero pertanto acquistare in caso di chiusura sopra i 4.255$, mantenendo uno stop loss a 3.550$.

Nel caso in cui i ribassisti riuscissero a spingere la moneta sotto i 3.550$, il declino potrebbe estendersi fino a 3.236,09$. Il downtrend riprenderà se anche questo supporto non dovesse reggere. Prevediamo un movimento decisivo nei prossimi giorni.

ETH/USD

Il livello a 167,32$ rappresenta una forte resistenza. Se i rialzisti riuscissero a spingere Ethereum sopra tale livello, il valore della moneta potrebbe raggiungere i 225$, e successivamente quota 249,93$.

ETH

Al contrario, se la coppia ETH/USD dovesse registrare dei ribassi, il prezzo potrebbe scivolare a 136,12$. Prevediamo la presenza di un solido supporto a questo livello, in quanto la EMA a 20 giorni si trova nelle vicinanze.

Finché rimarrà sopra la EMA, la criptovaluta tenterà di superare la resistenza a 167,32$. Un breakdown dalle medie mobili rappresenterebbe tuttavia uno sviluppo negativo, che potrebbe portare ad un nuovo test del supporto a 83$.

Consigliamo di attendere il superamento del livello a 167,32$, oppure un breakdown dai supporti, prima di aprire nuove posizione long.

XRP/USD

Sin dal 27 dicembre Ripple viene scambiato all'interno di un range ristretto compreso fra 0,32615$ e 0,383$. Un breakdown da tale intervallo potrebbe portare ad un crollo a 0,27795$.

XRP

D'altra parte, un breakout sopra i 0,4$ completerebbe il pattern head and shoulders inverso, il cui prossimo target si trova a 0,52205$. Nonostante la resistance line del canale discendente possa agire da ostacolo minore, prevediamo il suo superamento. Manteniamo pertanto i consigli d'acquisto forniti nella nostra precedente analisi.

Se la coppia XRP/USD riuscisse a superare l'area compresa fra 0,565$ e 0,625$, potremmo assistere ad un movimento verso quota 0,7644$.

BCH/USD

Bitcoin Cash non è riuscito a superare la SMA a 50 giorni: un segnale negativo. Se il prezzo dovesse scivolare sotto i 141$, potrebbe estendere il proprio declino fino al limite inferiore del canale discendente. Un breakdown da tale canale riprenderebbe il downtrend.

BCH

La coppia BCH/USD otterrà uno slancio verso l'alto in caso di chiusura al di sopra della SMA a 50 giorni: un simile movimento renderebbe il pattern rialzista, con un target a 355$.

La EMA a 20 giorni è piatta e l'RSI è circa neutrale, suggerendo un probabile periodo di consolidamento nel breve termine. I trader dovrebbero pertanto attendere il superamento della SMA prima di procedere con l'acquisto della moneta.

EOS/USD

Il breakout dalla SMA a 50 giorni è stato di breve durata: EOS è poco dopo tornato alla EMA a 20 giorni. Se tale supporto non dovesse reggere, il declino potrebbe estendersi fino a 2,1733$.

EOS

Se anche il supporto a 2,1733$, potremmo persino assistere ad un crollo a 1,55$. Sotto tale livello, la coppia EOS/USD riprenderebbe il proprio downtrend.

A 3,2081$ è presente una forte resistenza: se venisse superata, la moneta potrebbe ottenere uno slancio fino a 3,8723$, e sopra ancora a 4,493$.

XLM/USD

I rialzisti faticano a superare la EMA a 20 giorni: un segnale negativo. Se Stellar dovesse scivolare sotto quota 0,11024826$, potremmo assistere ad un crollo a 0,09285498$.

XLM

La EMA a 20 giorni si sta lentamente spostando verso il basso, mentre l'RSI è in negativo: questo mostra che attualmente il mercato è nelle mani dei ribassisti. La coppia XLM/USD otterrà maggiore forza al superamento di quota 0,15$. Attenderemo la formazione di un pattern che segnali l'inversione del trend prima di consigliare lo scambio di questa moneta.

LTC/USD

Nonostante Litecoin abbia superato la SMA a 50 giorni, non ha continuato la propria scalata verso l'alto. I ribassisti stanno attualmente tentando di spingere il prezzo al di sotto delle medie mobili.

LTC

In basso, fra 27,701$ e 29,349$ è presente un'area critica di supporto: se non dovesse reggere, il prezzo potrebbe scivolare fino a 23,1$. Un'ulteriore contrazione porterebbe ad una ripresa del downtrend.

La coppia LTC/USD otterrà uno slancio verso l'alto al superamento di quota 36,428$. Suggeriamo di attendere una chiusura sopra tale livello prima di procedere con l'apertura di nuove posizioni long. Fino ad allora è meglio rimanere in disparte, poiché le medie mobili piatte e l'RSI neutrale indicano un probabile consolidamento a breve termine.

BSV/USD

Nonostante il range più ampio di Bitcoin SV vada da 80,352$ a 123,98$, sin dal 26 dicembre la moneta è bloccata all'interno di un intervallo più piccolo, compreso fra 80,352$ e 102,58$.

BSV

Solitamente quando un range si restringe indica un imminente breakout o breakdown. È difficile verso quale direzione si muoverà la moneta, pertanto per il momento consigliamo di rimanere in disparte e attendere.

Se la coppia BSV/USD riuscisse a superare la resistenza a 102,58$, potrebbe raggiungere quota 123,98$. Se anche questo livello venisse superato, la ripresa potrebbe estendersi fino a 167,608$. I trader dovrebbero pertanto procedere con l'acquisto in caso di chiusura sopra i 102,58$, mantenendo lo stop loss a 80$.

D'altra parte, nel caso in cui la moneta dovesse scivolare sotto gli 80$, il declino potrebbe estendersi fino a 65,031$ e sotto ancora a 38,528$.

TRX/USD

I rialzisti non sono riusciti a sostenere il breakout del 3 gennaio, ma TRON non ha perso terreno, indicando la presenza di acquirenti ai livelli più bassi. La EMA a 20 giorni continua la propria ascesa: un segnale positivo.

TRX

Un breakout al di sopra della downtrend line potrebbe spingere la coppia TRX/USD fino a quota 0,0246$. Se anche questo livello venisse superato, la moneta potrebbe raggiungere un valore di 0,02815521$. I trader che, seguendo i nostri consigli, hanno aperto posizioni long dovrebbero mantenerle con uno stop loss a 0,018$.

La nostra visione rialzista verrebbe invalidata nel caso in cui il prezzo dovesse scivolare sotto 0,018$: in tal caso la criptovaluta potrebbe crollare fino alla SMA a 50 giorni, e sotto ancora a 0,013$.

ADA/USD

Da circa due giorni Cardano viene scambiato attorno alla neckline. Le medie mobili hanno completato un crossover rialzista. Se la moneta riuscisse nei prossimi giorni a superare la neckline, completerebbe il pattern head and shoulders invertito, il cui target si trova a 0,066$.

ADA

I trader dovrebbero acquistare in caso di chiusura al di sopra della neckline. Tuttavia, se il prezzo non superasse velocemente quota 0,060105$, consigliamo di alzare lo stop loss.

Se al contrario la coppia ADA/USD non riuscisse a superare la neckline entro qualche giorno, potremmo assistere ad un crollo al di sotto delle medie mobili. Un breakdown dal supporto a 0,036815$ porterebbe ad un nuovo test dei minimi.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC. I grafici per le analisi sono stati forniti da TradingView.