Le banche centrali dovrebbero lasciare le criptovalute a Facebook e JPMorgan, afferma una collaboratrice di PwC

Secondo Pauline Adam Kalfon, collaboratrice finanziaria di PwC France, per il momento le banche centrali dovrebbero lasciare la distribuzione di monete digitali a grandi aziende come FacebookJPMorgan.

Quando le criptovalute saranno state "testate a fondo dalle corporazioni", a quel punto le banche potranno pianificare il proprio ingresso nel settore, riducendo in tal modo le probabilità di conseguenze negative per l'economia.

Kalfon ha inoltre spiegato che la Banque de France, la banca centrale francese, potrebbe non essere la migliore istituzione per lanciare un progetto basato su monete digitali, poiché in futuro opererà ai sensi delle norme imposte dalla Banca Centrale Europea (BCE):

"È chiaro che un progetto a livello europeo sarebbe molto complesso e impegnativo da un punto di vista amministrativo, in quanto richiederebbe l'allineamento e il consenso politico di ogni Stato Membro."

A febbraio, il colosso bancario statunitense JPMorgan Chase ha annunciato il lancio di una nuova criptovaluta, il JPM Coin, che mira ad incrementare l'efficienza di alcune tipologie di transazione. In seguito alla notizia, il CEO Jamie Dimon ha svelato che l'utilizzo della moneta digitale potrebbe essere un giorno esteso anche ai consumatori.

Pare che anche Facebook stia lavorando al lancio di una criptovaluta, che verrà integrata all'interno dei servizi di messaggistica WhatsApp, Messenger e Instagram.