MasterCard favorevole a criptovalute distribuite dai governi. Tutte le altre sono 'spazzatura'

Stando a quanto riportato in data 19 marzo dal Financial Times, in futuro MasterCard sarebbe favorevole all'idea di valute digitali nazionali distribuite da una banca centrale, ha spiegato il co-presidente del settore Asia-Pacifico dell'azienda.

Il dirigente di MasterCard Ari Sarker ha dichiarato al Financial Times che "se i governi hanno intenzione di creare delle valute digitali nazionali, saremmo lieti di considerarle in maniera più positiva [rispetto alle criptovalute tradizionali]":

“A condizione che siano supportate da un ente di regolamentazione e da un bene di valore... che non sia anonima, e che soddisfi tutti i requisiti normativi, ci interesserebbe esplorare questa possibilità."

Lo scorso autunno, anche il CEO di MasterCard Ajay Banga dichiarò che l'azienda stava studiando un modo per "entrare nel business" delle valute digitali distribuite dai governi, etichettando tutte le altri criptovalute come "spazzatura".

L'argomento delle valute digitali distribuite dai governi è già stato discusso da parecchi paesi in tutto il mondo, ma al momento in pochi hanno effettivamente dato vita ad una criptovaluta centralizzata. L'esempio di maggior successo è la moneta venezuelana Petro, recentemente sommersa da un'ondata di polemiche.

Sarker ha inoltre rivelato che in questi giorni che MasterCard sta svolgendo un programma pilota per Bitcoin (BTC) in GiapponeSingapore, che permetterà ai possessori della criptovaluta di convertire i propri fondi e prelevarli in una carta MasterCard. Ha spiegato che il programma prevede sistemi KYC e antiriciclaggio.

“Non permettiamo lo scambio di Bitcoin attraverso la rete MasterCard. [...] [Con il programma pilota] stiamo semplicemente testando le acque, siamo pienamente consapevoli dei rischi alla nostra reputazione."

Il Financial Times sottolinea che recentemente sia MasterCard che Visa hanno "riclassificato" gli acquisti di BTC come "transazioni in contanti", una scelta che ha portato al pagamento di commissioni aggiuntive da parte dei clienti che fanno uso di criptovalute.

A novembre dello scorso anno, MasterCard ha inoltre registrato un brevetto per pagamenti istantanei utilizzando la tecnologia Blockchain. Un rappresentante della compagnia ha fatto notare come MasterCard Labs abbia già presentato oltre 30 "brevetti legati alla tecnologia Blockchain e alle criptovalute".

“MasterCard Labs sta lavorando ad una tecnologia Blockchain che supporterà una vasta gamma di casi d'uso, come: pagamenti tra banche, tracciamento delle obbligazioni finanziare sulla catena del valore, scambio di dati Know Your Customer e antiriciclaggio di denaro tra terze parti fidate e molto altro.

Sarker ha poi aggiunto che MasterCard sta svolgendo un altro programma pilota, in Australia e Singapore, per un sistema di pagamenti senza contatto.

Recentemente, un gran numero di banche ha vietato l'acquisto di criptovalute con carte di credito, come Lloyd’s Banking Group nel Regno Unito, e J.P. Morgan Chase, Citigroup e Bank of America negli Stati Uniti.