Il presidente Maduro ordina al Banco de Venezuela di accettare il Petro, la criptovaluta del paese

Secondo un tweet del Ministro delle Finanze, il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha ordinato al Banco de Venezuela, la banca principale del paese, di accettare la criptovaluta nazionale Petro (PTR) in tutte le sue filiali. 

Secondo il tweet, Maduro ha dato "l'ordine immediato di aprire sportelli per il Petro in tutte le filiali del Banco de Venezuela". L'annuncio è arrivato durante un evento che celebra il decimo anniversario della nazionalizzazione della banca in questione.

Il 19 giugno, Maduro ha annunciato che 924 milioni di bolivar (oltre 92,5 milioni di dollari) sono stati stanziati per la Digital Bank of Youth and Students, affinché vengano aperti un milione di wallet Petro per i giovani del paese. José Angel Alvarez, presidente della National Cryptocurrency Association del Venezuela, ha commentato:

"È una decisione coraggiosa e corretta quella di portare avanti un'economia ibrida in cui la valuta fiduciaria di un paese compete faccia a faccia con criptovaluta."

Come riportato da Cointelegraph a gennaio, il Venezuela ha contestato le sanzioni degli Stati Uniti, comprese quelle imposte specificamente contro le transazioni in Petro. A marzo, il presidente Trump ha vietato ai cittadini statunitensi di acquistare la criptovaluta venezuelana.

A maggio, è emerso che il Venezuela sta considerando di siglare degli accordi commerciali con la Russia utilizzando il rublo anziché il dollaro.