Criptovalute e mercati azionari: revisione prestazioni settimanali

Le idee e le opinioni espresse in questo articolo sono unicamente quelle dell'autore, e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cointelegraph.com. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre la propria ricerca prima di prendere una decisione definitiva.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC.

Mercati azionari globali: torna paura e dubbio

Le borse globali hanno subito un forte calo la scorso settimana, con il mercato statunitense colpito più duramente rispetto agli altri. L'Indice S&P 500 è infatti crollato del 5,95%, il ribasso settimanale maggiore degli ultimi due anni. L'unione di una serie di fattori ha spaventato gli investitori, nel contesto più ampio dei maggiori tassi d'interesse.

Pic

È aumentato il rischio di un conflitto commerciale, quando la Cina ha annunciato severe contromisure in risposta ai piani del presidente degli Stati Uniti di introdurre dazi contro la seconda economia più importante al mondo.

Stando a quanto dichiarato dall'ambasciatore cinese negli Stati Uniti, tali contromisure potrebbero includere una riduzione dell'acquisto di titoli di stato, una possibilità che si temeva sarebbe accaduta da anni.

Nel frattempo, l'opinione generale nei confronti delle aziende tecnologiche statunitensi, la cui portata è ovviamente globale, è peggiorata improvvisamente. Facebook è l'azienda maggiormente colpita da questo forte clima di sfiducia, mentre tenta di affrontare lo scandalo legato alla privacy venuto alla luce recentemente. Il valore delle azioni della compagnia è ora sceso del 18,6% rispetto al picco di 195,32$ raggiunto a gennaio: questa debolezza può essere considerata un sintomo del forte dubbio che pervade il mercato azionario.

SPX

L'indice S&P 500 ha terminato la settimana all'interno di una potenziale area di supporto chiave, definita dalla confluenza della media mobile a 200 giorni e dalla linea di ritracciamento Fibonacci 78,6%. Un'ulteriore correzione è improbabile: l'ultima volta che l'Indice è sceso sotto la media mobile a 200 giorni è stato a giugno 2016, e si è subito rialzato da quella posizione.

Regno Unito: Indice FTSE 100, continuano le tendenze ribassiste

Un segnale ribassista è stato generato la scorsa settimana, quando l'Indice FTSE è sceso sotto il supporto precedente a 7.062,10, terminando la settimana all'interno del quarto inferiore del range. L'area di ritracciamento Fibonacci 78,6% è stata raggiunta, pertanto questo supporto potrebbe portare ad un rialzo a breve termine.

UKX

D'altra parte, se dovesse scendere sotto il minimo della scorsa settimana a 6.877, è probabile un ulteriore crollo fino alla prossima linea di supporto a 6.790,7. Facciamo notare che il FTSE è ben al di sotto della media mobile a 200 giorni (linea marrone).

Germania: Indice DAX, sull'orlo dell'abisso

L'Indice DAX tedesco sta ancora una volta testando il proprio supporto, e sembra che questa volta verrà sfondato. Il prossimo supporto a breve termine è rappresentato dal recente minimo a 11.830,98, e da quello della scorsa settimana a 11.818,70. Un calo decisivo al di sotto del minimo della scorsa settimana porterebbe l'Indice verso la confluenza del supporto attorno alla uptrend line a lungo termine e alla linea di ritracciamento 50%, a 11.421,44.

DAX

Nel caso in cui non riesca ad invertire il ribasso, il DAX si sposterà prima verso la confluenza del ritracciamento Fibonacci 61,8% a 10.908, poi verso la resistenza precedente attorno a 10.820.

Criptovalute: si prevede una ripresa

Nonostante cinque delle otto criptovalute analizzate siano in verde rispetto alla scorsa settimana, solo IOTA mostra un aumento considerevole. Una serie di fattori chiave hanno spinto alcuni investitori a supportare visioni rialziste, altri ribassiste. Da un punto di vista tecnico, gran parte delle valute digitali rimangono in chiaro downtrend, e continuano a muoversi al di sotto delle rispettive medie mobili a 200 giorni. L'unica eccezione è il Litecoin, del quale discuteremo nel dettaglio più in basso.

PIC2

Nonostante tutto, la volatilità del mercato offre costantemente buone opportunità di trading. Ci aspettiamo un ulteriore rafforzamento questa settimana, dopo il recente crollo.

Per quanto riguarda le visioni ribassiste, pare che Twitter abbia intenzione di vietare le pubblicità legate alle criptovalute, seguendo le orme di Facebook e Google. In altre parole, le tre più importanti piattaforme pubblicitarie della rete bandiranno gli annunci relativi al mercato delle criptovalute. Analizzando il quadro generale, non si tratta di una notizia del tutto negativa: questa scelta potrebbe ostacolare frodi e truffe, aumentando la fiducia nel settore da parte degli investitori.

In Giappone, la Financial Services Agency ha inviato un avviso a Binance, l'exchange più importante al mondo per volume giornaliero di scambi. Pare infatti che la piattaforma operasse in Giappone senza la licenza richiesta dal governo. In seguito all'avviso, è probabile che Binance fonderà un nuovo ufficio a Malta: l'annuncio ha causato qualche preoccupazione tra gli investitori, spaventati dalla potenziale presenza di problemi ben più profondi.

Per quanto riguarda invece le visioni rialziste, la scorsa settimana l'incontro del G20 in Argentina ha fatto tirare un sospiro di sollievo ai mercati: le grandi potenze mondiali non hanno intenzione di sopprimere le criptovalute, ma hanno invece suggerito regolamentazioni più rigide. Le nazioni del G20 si incontreranno nuovamente a breve per discutere in maniera consapevole della questione.

Litecoin: solidità relativa

Il Litecoin si trova in una posizione tecnica di maggiore solidità rispetto alle altre criptovalute. Come è possibile vedere nel grafico riportato qui in basso, la moneta si trova al si sopra sia della downtrend line a lungo termine che della media mobile a 200 giorni. Ha superato la downtrend line a metà febbraio, e da allora ha subito un calo in maniera tutto sommato controllata e con bassa volatilità, testando il supporto a 137,12$. Tale supporto è stato abbastanza forte da spingere la criptovaluta sopra la media mobile a 200 giorni. Si tratta di un comportamento rialzista, che preannuncia un aumento dei prezzi.

LTC

Il superamento della linea mensile di downtrend rappresenterebbe un ulteriore segnale rialzista, accelerando l'ascesa della coppia LTC/USD. Consigliamo di controllare possibili movimento sopra quota 165,50$; la forza della valuta verrebbe confermata in caso di impennata a 175,50$.

IOTA: le prestazioni migliori di questa settimana

Nel grafico di IOTA si comincia a formare un potenziale pattern testa e spalle inferiore. La moneta ha avuto le migliori prestazioni della scorsa settimana, con un aumento di 0,27$ o del 24,9% che ha permesso il raggiungimento di quota 1,36$. Come per qualsiasi pattern, per confermarne la validità è necessario che avvenga un breakout: in questo caso, il breakout avverrebbe in caso di un movimento sopra i 1,53$.

IOT

Il target minimo da raggiungere per un'inversione è a circa 2,03$. Nel frattempo, un calo al di sotto della spalla destra a 1,24$ modificherebbe la struttura del pattern, facendolo fallire.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC . I grafici per le analisi sono stati forniti da TradingView.