Nasdaq svela che sette exchange utilizzano già la sua tecnologia per il monitoraggio del mercato

Nasdaq, la seconda borsa valori più importante al mondo, ha svelato che attualmente sette exchange di criptovalute utilizzano la sua tecnologia per il monitoraggio del mercato: lo SMARTS Trade Surveillance System. Due di queste collaborazioni sono già state annunciate: Gemini, fondato dai due fratelli Winklevoss, e Vctrade, gestito dal colosso giapponese della finanza SBI Holdings.

Un rappresentante di Nasdaq ha spiegato al portale d'informazione Forbes che l'azienda valuta i propri potenziali clienti nel settore delle criptovalute sulla base di tre criteri: modello di business, misure Know Your Customer e antiriciclaggio, e sistema d'amministrazione aziendale.

Attualmente, ha rivelato l'azienda, circa 20 dipendenti si occupano di valutare se gli exchange di criptovalute richiedenti soddisfino non soltanto i requisiti tecnici, ma anche "l'inclinazione morale" necessaria per utilizzare tale strumento con giudizio.

Tony Sio, appartenente alla divisione per la sorveglianza dei mercati di Nasdaq, ha commentato:

"Solitamente non effettuiamo simili processi di valutazione per i nostri clienti, perché sono molto più conosciuti. Ma poiché abbiamo iniziato a lavorare con aziende più piccole, con startup, ci siamo resi conto della necessità di questi controlli."

A novembre dello scorso anno Nasdaq aveva annunciato la propria collaborazione con la società d'investimento VanEck, allo scopo di lanciare prodotti regolamentati basati su monete digitali.

Questo mese Adena Friedman, presidente e CEO di Nasdaq, ha affermato che le criptovalute "meritano l'opportunità di trovare un futuro sostenibile nella nostra economia."