Panoramica delle 5 criptovalute più performanti della settimana: XTZ, BNB, BCH, ETH, XMR

Le idee e le opinioni espresse in questo articolo sono unicamente quelle dell'autore, e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cointelegraph.com. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre le proprie ricerche prima di prendere una decisione definitiva.

I dati di mercato sono stati forniti dalla piattaforma di exchange HitBTC.

Solitamente, un downtrend esteso passa attraverso una fase di accumulo prima di trasformarsi in un nuovo trend rialzista. Il fondo di asset digitali Adamant Capital ritiene che i mercati delle criptovalute si trovino proprio in questa fase.

Attualmente, secondo quanto rilevato da un recente sondaggio, circa il 3% dei pensionati americani ha investito in Bitcoin. Il 56,7% di essi ne ha invece solo sentito parlare, ma non ha intenzione di investire. Ciò potrebbe essere dovuto al lungo e pesante mercato ribassista. Quando i mercati cominceranno a salire e ad entrare in una fase rialzista, molti più potenziali investitori decideranno di scendere in campo. Anche la chiarezza delle normative di governo porterà ad una maggiore partecipazione. Andrew Yang, candidato alle presidenziali democratiche negli Stati Uniti per le elezioni del 2020, è favorevole all'applicazione di regole chiare sugli asset digitali.

Il presidente cinese Xi Jinping è ottimista sulle prospettive della tecnologia blockchain per il futuro. Sebbene il trading di criptovalute in Cina sia ancora vietato, secondo Donald Tapscott, presidente esecutivo del Blockchain Research Institute, il partito al governo crede che lo yuan possa diventare una criptovaluta tra circa 20 anni. Tuttavia, se e quanto sostegno riceverà una criptovaluta centralizzata lanciata da una banca centrale è ancora da vedere.

XTZ/USD

Tezos (XTZ) è stata la miglior performer della settimana tra le criptovalute principali. I partecipanti al mercato hanno accolto positivamente i commenti del ministro delle finanze francese Bruno Le Maire su Tezos e l'industria blockchain. In un'intervista rilasciata alla rivista francese Capital, il ministro ha affermato che la Francia sta cercando di investire oltre 4,5 miliardi di euro in settori innovativi, tra cui quello blockchain, nei prossimi cinque anni. Vale ancora la pena di comprare Tezos, o entrerà in una correzione? Scopriamolo.

XTZ/USD

La coppia XTZ/USD ha registrato un forte pullback dai minimi. Dal valore di 0,33$ ha infatti raggiunto i livelli attuali, con un incremento di oltre il 300%

Al momento sta cercando di abbattere la resistenza a 1,295480$, trovando però difficoltà vicino alla SMA a 50 settimane. La SMA a 20 settimane è in crescita, e l'RSI è di nuovo in territorio positivo. Ciò suggerisce che i rialzisti sono in vantaggio.

Crediamo di trovare una forte resistenza tra la SMA a 50 settimane e 1,85$. Dopo il netto recupero dai minimi, ci aspettiamo una lieve correzione o un consolidamento. Tuttavia, se il momento spingerà il prezzo sopra 1,85$, l'impennata può raggiungere 2,75$, e successivamente 4.20$.

Dopo un rialzo così netto, è sempre meglio aspettare un consolidamento o un lieve calo, prima di aprire le proprie posizioni.

BNB/USD

Uno studio del team di Binance research ha concluso che il cosiddetto "inverno delle criptovalute" potrebbe terminare molto presti. Crediamo che la ripresa sia guidata proprio da Binance Coin (BNB), che ha registrato un'ottima performance settimanale, e potrebbe essere la prima moneta a superare i massimi segnati a gennaio 2018.

Nel Q1 2019, l'exchange di criptovalute Binance ha registrato un utile netto di 78 milioni di dollari, circa il 66%+ rispetto al trimestre precedente. Il CFO di Binance Wei Zhou ha dichiarato che tali profitti derivano principalmente dalla crescita del mercato OTC. L'exchange ha lanciato la sua mainnet e ha in programma di eseguire lo swap il 23 aprile. Sempre questa settimana, Binance ha cominciato una campagna a supporto della ricostruzione della Cattedrale di Notre Dame.

BNB/USD

La coppia BNB/USD va alla grande: sta per superare il massimo di 26,4732350$ registrato a inizio gennaio 2018. Questo traguardo potrebbe dare una forte spinta all'intero mercato, poiché sarebbe la prova che le criptovalute con fondamentali forti possono ancora segnare nuovi massimi.

Durante la crescita, la coppia ha guadagnato momento. Anche se ciò costituisce un segnale rialzista, ha anche spinto l'RSI settimanale in zona profondamente overbought, il che aumenta le probabilità di una lieve correzione o di un consolidamento.

Mentre gli investitori che già hanno delle posizioni possono mantenerle con uno stop loss appropriato, è difficile aprirne di nuove ai livelli attuali, dato che il rapporto rischio/ricompensa non è molto appetibile.

BCH/USD

Bitcoin cash (BCH) ha tratto beneficio dal delisting di Bitcoin SV, effettuato dalla maggior parte degli exchange di criptovalute questa settimana. Tuttavia, SBI Holdings ha dichiarato che eliminerà BCH dalla sua piattaforma a giugno 2019. La società ha precisato che la decisione di rimuovere Bitcoin Cash era già programmata da tempo, e non aveva nulla a che fare né con gli eventi che hanno coinvolto BSV, né con la sua partnership con nChain (il cui head scientist è Craig Wright, il fondatore di BSV).

BCH/USD

La coppia BCH/USD era già salita nella settimana scorsa. Dopo il netto rialzo, ha tuttavia subito una leggera correzione. Questa settimana, la coppia sta di nuovo provando a superare la resistenza a 363,30$.

In caso di successo, potrebbe raggiungere quota 451,32$. La SMA a 50 settimane si trova vicino a questa soglia, quindi potrebbe fare da resistenza. Tuttavia, se i rialzisti riusciranno a superarla, potremmo assistere ad un'impennata a 600$.

Intanto, l'EMA a 20 settimane è piatta, e l'RSI è quasi al centro. Ciò fa pensare ad un consolidamento per qualche settimana. Tuttavia, se i ribassisti trascineranno la valuta digitale sotto la zona di supporto dei 255$ e l'EMA a 20 giorni, si potrebbe registrare un crollo a 166,25$. 

ETH/USD

L'exchange di criptovalute Coincheck ha aggiunto ether (ETH) al suo mercato over-the-counter. Intanto, i core developer di Ethereum stanno valutando i pro e i contro di hard fork più piccoli e più frequenti. La piattaforma decentralizzata deve rimanere in guardia, dato che i competitor si fanno sempre più agguerriti.

ETH/USD

Sulla coppia ETH/USD è in atto una lotta tra ribassisti e rialzisti, intorno al livello critico dei 167,32$. Anche se i rialzisti l'hanno superato nella settimana precedente, completando un pattern a triangolo ascendente, non sono riusciti a concretizzare i guadagni.

Nella settimana scorsa, i ribassisti hanno provato a riportare la coppia all'interno del triangolo. Questa settimana, i rialzisti stanno di nuovo provando a mantenere il prezzo sopra i 167,32$

Se i rialzisti riusciranno a spingere il prezzo sopra i 187,98$, la valuta digitale può raggiungere il suo target di 251,64$. Al contrario, un breakdown dei 167,32$ e dell'EMA a 20 settimane potrebbe riportare in vantaggio i ribassisti. Le prossime settimane saranno fondamentali, dato che determineranno la prossima mossa direzionale.

XMR/USD

Monero (XMR) ha celebrato il suo quinto anniversario questa settimana, con una serie di eventi. La sua performance è stata molto positiva anche nella settimana scorsa. Riuscirà a continuare questo trend? Scopriamolo.

XMR/USD

La coppia XMR/USD è rimasta sopra la soglia di breakout dei 60,147$ e l'EMA a 20 settimane per gli ultimi quattordici giorni. Ciò è un segnale positivo, e aumenta le probabilità di un breakout sopra gli 81$.

Se i rialzisti riusciranno a mantenere il prezzo sopra 81$, può gradualmente raggiungere quota 114,840$, e successivamente i 128,650$. Il target a medio termine è 150$.

Al contrario, se il prezzo rimarrà sotto la resistenza overhead, potrebbe restare range bound tra 60,147$ e 81$ per qualche settimana. La coppia si indebolirà se i ribassisti riusciranno a portarla sotto 60,147$.

I dati di mercato sono forniti dall'exchange HitBTC. I grafici per le analisi sono forniti da TradingView.